martedì 3 ottobre 2017

Tonico Ultra Idratante - versione senza Ammonio Lattato

Ciao a Tutti,
Torno a mostrarvi la rivisitazione di una mia ricetta, versione che ormai uso da qualche mese.
Dato che non ho più avuto modo di preparare l'Ammonio Lattato, ho rivisto la ricetta includendo altri umettanti e modificando la ricetta abituale.
Come sempre ho inserito la maggior parte degli ingredienti che creano difficoltà nelle creme, come quelli che smontano i gelificanti o che hanno particolari incompatibilità con altri ingredienti delle creme.
Come sempre è un tonico molto idratante, perfetto per idratare a fondo la pelle, più che con qualsiasi altro tonico!

Dato che in questo caso non è presente l'Ammonio Lattato, come nella versione precedente, può essere che sia tollerato anche sul contorno occhi.
Io personalmente ho sempre usato anche l'altro sul contorno occhi, facendo semplicemente molta attenzione per non bagnare le rime, semplicemente mi limitavo a tamponare le palpebre chiuse con il dischetto di cotone, senza premere, e soprattutto dopo aver scaricato la gran parte del prodotto su tutto il resto del viso.
Per il momento non ho provato a realizzare una versione spray, preferisco comunque evitare che ne finisca troppo sugli occhi, ma ovviamente potete provare, molto dipende anche dallo spruzzino che avete a disposizione

Ecco qui la Ricetta:


Acqua Distillata 49,2
Allantoina 0,4
Sorbitolo 0,5
Inulina 0,5
Pantenolo 75% 1
Euxyl PE 9010 0,4
Acqua di Rose 30
Sodio Lattato (al 60%) 10
Sodio Ialuronato 1% 5
Umectol Vegetale 2
Proteine del Grano 1

Procedimento:

Come per le versioni precedenti, la realizzazione è estremamente semplice.
Soprattutto visto che non prevede la preparazione a parte dell'Ammonio Lattato, che è la parte più complessa.
Prima di tutto va considerata la solubilità dell'Allantoina, potete pensare di metterci una vita facendo sciogliere l'Allantoina aiutandovi con Inulina e Sodio Ialuronato...
In realtà per me è molto più semplice scaldare l'Acqua fino a bollore (circa 95-97°C misurati con il termometro a laser), buttarci l'Allantoina e aspettare il raffreddamento per procedere.

Prima del raffreddamento completo si può comunque comiciare inserendo gli ingredienti che non temono le temperature alte: Sorbitolo, Inulina, Pantenolo ed Euxyl PE 9010, ma bisogna aspettare perché la temperatura scenda almeno sotto i 70°C.
Di solito non ci vuole tanto, bastano una decina di minuti se la quantità di tonico che state preparando non supera il mezzo litro e non è piena estate.
Una volta scesi sotto i 70°C è possibile inserire anche l'Acqua di Rose, che raffredderà molto più velocemente il prodotto.
A quel punto si potrà cominciare con il misurare il pH (che dovrebbe essere già a posto in realtà, tra 5 e 6, che), e una volta scesi sotto i 40°C si potranno inserire anche i restanti ingredienti: Sodio Ialuronato, Umectol, Sodio Lattato e proteine.
Una volta inseriti tutti gli ingredienti basterà verificare che il tonico stia ancora a pH 5-6, a quel punto potrete inserire il colorante alimentare.
Essendo alla Rosa (uso l'Acqua di Rose anche per poter evitare di usare fragranze e di conseguenza solubilizzanti), trovo che un rosa chiaro sia l'ideale, io lo realizzo con il colorante alimentare liquido rosso.

A questo punto il tonico è pronto!
Spero che la ricetta vi piaccia e proviate a farla, è molto più semplice rispetto alla versione standard che avevo fatto ed è davvero alla portata di tutti!
Alla prossima!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione

Nessun commento:

Posta un commento