venerdì 19 ottobre 2018

Consigli per la gestione del PAO!

Ciao a Tutti!
Torno facendo un approfondimento un po' particolare, ovvero approfondendo la questione del PAO.
Vi avevo parlato del PAO un po' di tempo fa, parlandovi della normativa.

Dopo avervi illustrato la normativa, parto con alcune considerazioni, che iniziano e restano con l'essere personali:


Chiaramente ogni prodotto viene testato dall'azienda per determinare questa “scadenza”, si sottopone il prodotto a test di stabilità, valutando ad esempio modificazioni chimico/fisiche in relazione a diverse condizioni ambientali e di temperatura.
Immagino che venga considerato di indicare un PAO molto più restrittivo della reale deteriorazione del cosmetico, il PAO verrà sempre e comunque indicato con un abbondante margine di cautela, perché giustamente l'azienda non sa che uso farà ogni consumatore e nel dubbio restringe i tempi. 
Insomma, se l'azienda fa dei test, terrà conto del prodotto più “bistrattato” come linea guida, e da quella inserirà il suo margine di cautela.
Quindi diciamolo, a parte lotti difettati, o che subiscono un po' di deterioramento durante la logistica e lo stoccaggio (che sono comunque fattori considerati all'interno del calcolo del PAO), se si utilizza un prodotto con la massima cura, lo si lascia sempre nello stesso posto, in un luogo fresco e asciutto, al riparo da umidità, sbalzi di temperatura, ecc... e lo usate relativamente poco spesso... Secondo me si può considerare di avere molto più margine.
Ovviamente sì, è un rischio, dato che il produttore non ne risponde più, ma come sapete quanto avete prestato attenzione al cosmetico... saprete se sforare o meno.
Insomma, è già diverso se si considera un prodotto sempre in borsa, se avete il beauty da pendolari e almeno 2 viaggi a settimana il prodotto se li fa, se addirittura si parla di regolari viaggi in aereo ecc... Lì è già diverso!

Un'ulteriore precauzione poi è quella dell'uso delle dita per prelevare il cosmetico, nei vasetti la prima cosa da fare è usare le dita perfettamente pulite, o per essere ancora più attenti, delle palette, direi senza arrivare al monouso, una volta lavate con cura queste palette le considererei “sicure”, dato che il cosmetico è comunque conservato, ma già queste sono accortezze che lo proteggono ancora di più.

Io personalmente sono fiscale solo per alcuni prodotti, come le protezioni solari, e prodotti con ingredienti dichiaratamente deperibili, es. sieri alla Vitamina C.

I prodotti solari di solito li utilizzo all'interno dei (soliti) 12 mesi di PAO, se apro il flacone ad agosto, lo considero comunque valido fino al luglio successivo compreso, quindi in questo senso sì, riciclo i solari dell'anno prima, ma solo quelli che comunque ho cominciato ad utilizzare “tardi”.

Per il resto lo ammetto, mi regolo un po' più sul prodotto. 
Ad esempio, per me il Make Up in polvere è sostanzialmente “eterno” (non 20 anni ok, ma comunque un tempo ragionevole in cui sostanzialmente lo termino).
Perché sostanzialmente, valutando gli ingredienti, fino a quando non si bagna, non finisce per terra (quindi di certo non lo ricompatto con la polvere), non si sporca con altri prodotti o puzza ecc... Io lo considero ancora buono.
Non c'è spazio per la proliferazione batterica nel momento in cui non aggiungiamo acqua, e questo vale anche per i prodotti composti esclusivamente da grassi, che hanno una vita simile... Non c'è rischio di contaminazione batterica, c'è solo un il rischio di irrancidimento, ma in questo caso il naso è un ottimo “esaminatore”.
Fino a quando non puzzano lievemente di rancido i prodotti esclusivamente grassi per me sono buoni, ovviamente cerco sicuramente di finirli ben prima!

Ma questo vale anche “al contrario”, se un prodotto cosmetico di qualsiasi tipo si dimostra in qualche modo “cambiato” per odore, consistenza, colore ecc... di certo non sto a pensare al PAO, in caso di dubbi butto e pazienza! Anche se sono stata molto attenta nella conservazione, probabilmente qualcuno, prima di me, ha stoccato male il prodotto, e lo ha compromesso prima del tempo.
Quindi quello che cerco di far capire è che per ogni “norma”, ha senso usare il buon senso. Insomma, se mi segno come data di “scadenza” post PAO il 12 novembre 2018, non è che se mi mancano 3-4 applicazioni da fare per finire la confezione butto il prodotto prima del tempo! Non è che il prodotto, prima di quella data perfetto, “va a male” in magari 3 giorni oltre al PAO, è comunque un processo “graduale”, che varia certamente da prodotto a prodotto e da conservazione a conservazione. Se fino al 12 novembre quel prodotto era perfettamente funzionale, andrà bene per altri 3 giorni!

Mentre determinati prodotti di Make Up sostanzialmente perdono efficacia ben prima di doversi porre il problema del PAO, per esempio: Pomade per sopracciglia, matite e ombretti cremosi si induriscono, non rendono più come prima, non scrivono più ecc...
Idem Eyeliner in Gel o Mascara, è difficile che arrivino all'anno anche volendo, di solito perdono efficacia già da prima!
Il Duraline di Inglot, in sostanza un mix di siliconi volatili, può allungare un pochino la vita di questi prodotti cremosi (Eyeliner in Gel, Ombretti in Crema, Pomade per Sopracciglia ecc...), ma quando c'è la necessità di usarlo, la fine del prodotto è comunque vicina.
Il Mascara ad esempio, io lo cambio quando non mi soddisfa più. Tendenzialmente sforo i 6 mesi, che normalmente corrispondono al PAO, ma di poco... Butto via prima giusto i mascara con cui non mi sono trovata!
Ma già truccandosi tutti i giorni, e per bene, un mascara è normale che non arrivi nemmeno ai 3 mesi!

Anche per oggi è tutto!
Spero che la riflessione e il post siano stati interessanti!
A presto!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Promiseland.it, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione

mercoledì 17 ottobre 2018

Bottino Swap Party Autunnale

Ciao a Tutti!
Anche questo mese di alcune new entry cosmetiche, in realtà non sono altro che il bottino del recente Swap Party che ho fatto!
Ecco tutti i prodotti, che questa volta sono principalmente prodotti di Make Up!

Make Up:


  • Mulac – Terra Contouring – Refill – Ipno
  • Nyx – Mineral Matte Finishing Powder – Light/Medium MFP01
  • Max Factor – Facefinity Compact Foundation – SPF20 – 006 Golden
  • Purobio – Ombretto in Cialda – Refill – Marrone Freddo n. 14
  • Clarins – Ombre Matte – Cream-to-Powder Eyeshadow – 04 – Rosewood
  • Sephora Collection – Cream Lipstain – Rossetto Liquido No-Transfer – n. 17 – Dark Red
  • Too Faced – Lip of Luxury Lipstick – Runway Red



Campioncini di Skincare/Haircare:


  • Gyada Cosmetics – Crema Modellante Ricci
  • L'Erbolario – Algadetox – OlioGel Detergente Esfoliante Viso
  • L'Erbolario – Rabarbaro – Bagnoschiuma

La Crema Modellante è quella indicata nella foto, una mia amica ne ha distribuita un po' in alcuni contenitori puliti, così da farla provare a chi del gruppo era interessata

Accessori Beauty/Make Up:


  • Essence – Pennello da Eyeliner
  • Sephora – Bronzer Blush
  • Pennello tondo obliquo da Contouring

Anche per oggi è tutto!
Al più presto le recensioni di tutto!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Promiseland.it, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione

lunedì 15 ottobre 2018

Collaborazione MyBeauty con Lancôme

Ciao a Tutti!
Torno anche questa volta a presentarvi una nuova collaborazione.
Questa volta sono stata scelta come tester da Lancôme tramite il portale MyBeauty, con cui ho collaborato diverse volte, e mi è stata data la possibilità di testare due prodotti viso in formato mini:

  • Advanced Génifique – Attivatore di Giovinezza per tutti i tipi di Pelle
  • Rénergie Multi-Lift – Crema Antirughe – Compattezza – Contorni – SPF 15


Advanced Génifique – Attivatore di Giovinezza per tutti i tipi di Pelle:

Aqua, Bifida Ferment Lysate, Glycerin, Alcohol Denat., Dimethicone, Hydroxyethylpiperazine Ethane Sulfonic Acid, Ascorbyl Glucoside, Sodium Hyaluronate, Sodium Hydroxide, Sodium Benzoate, Phenoxyethanol, Adenosine, Yeast Extract, PEG-20 Methyl Glucose Sesquistearate, PEG-60 Hydrogenated Castor Oil, Salicyloyl Phytosphingosine, Ammonium Polyacryldimethyltauramide/Ammonium Polyacryloyldimethyl Taurate, Limonene, Xanthan Gum, Caprylyl Glycol, Disodium EDTA, Octyldodecanol, Citronellol, Parfum

7 ml

Primo gesto fondamentale di ogni routine di bellezza, il siero Advanced Génifique di Lancôme agisce sui 10 segni visibili della pelle giovane: texture, elasticità, tonicità, compattezza, rilassamento, rughe sottili, rughe profonde, luminosità, uniformità e trasparenza.
Adatto a tutti i tipi di pelle, il siero Advanced Génifique è stato formulato, dopo 14 anni di ricerca, per riparare e riattivare i segni visibili di giovinezza
Modalità d'uso: Applicare sul viso mattina e sera, prima del proprio trattamento abituale

Quello che mi ha subito colpito di questo siero è la texture, effettivamente è setosissimo, e si spalma fondente e leggero, è l'unico siero che io abbia mai provato con la stessa spandibilità del gel di Sodio Ialuronato!
Sospetto che il responsabile di questo sia anche il silicone presente, che insieme all'Alcol lo rende molto “lubrificante”, proprio come lo Ialuronato!
Mi è piaciuto davvero tantissimo!
L'ho trovato un ottimo compromesso fra la resa dei prodotti “commerciali” e l'effetto di molti prodotti bio.
L'uso del prodotto mi ha effettivamente soddisfatto, nonostante la presenza alcolica non si sente il minimo bruciore o fastidio, e nonostante la presenza di silicone non mi ha dato il minimo effetto comedogenico.

Certo, non è un prodotto di segmento green, e non è un prodotto economico, ma almeno sembra ben formulato per la fascia di prezzo in cui si colloca.
Non sarà mai venduto ad un prezzo che davvero vale il contenuto in attivi, ma effettivamente già che contenga parecchio, sia in antiossidanti, che in idratanti (estratti vegetali compresi), e che abbia una piacevolissima texture gioca a suo vantaggio, molti prodotti della stessa fascia non arrivano a questo, quindi non posso che promuoverlo pienamente!

Rénergie Multi-Lift – Crema Antirughe – Compattezza – Contorni – SPF 15:

Aqua, Dimethicone, Octocrylene, Ethylexyl Salicylate, Glycerin, Hydrogenated Polyisobutene, Butyl Methoxydibenzoylmethane, Cera Alba, Poly C10-30 Alkyl Acrylate, Red 4 (C.I. 14700), Yellow 5 Lake (C.I. 19140), Guanosine, Cyathea Medullaris Leaf Extract, Sucrose Stearate, Secale Cereale Seed Extract, Sodium Polyacrylate, Sodium Hydroxide, Stearic Acid, Phenoxyethanol, Yeast Extract, Adenosine, PEG-100 Stearate, Palmitic Acid, Silica, Chlorphenesin, Dimethicone/Vinyl Dimethicone Crosspolymer, Dimethiconol, Limonene, Pentylene Glycol, Benzyl Alcohol, Linalool, Caprylyl Glycol, Acrylates/C10-30 Alkyl Acrylate Crosspolymer, Disodium Stearoyl Glutamate, Disodium EDTA, Citronellol, Aluminum Starch Octenylsuccinate, Coumarin, Glyceryl Stearate, Parfum

15 ml

Dalla texture setosa, che si fonde sulla pelle per una morbidezza estrema, la Crema Rénergie Multi-Lift di Lancôme è l'alleata ideale per una pelle ringiovanita: i contorni del viso appaiono ridefiniti, la pelle più compatta, le rughe appaiono ridotte significativamente dopo sole 4 settimane e l'ovale come liftato. Rénergie Multi-Lift – Crema Giorno con  SPF 15 dona un incarnato compatto, più tonico, attenuando le rughe che appaiono più levigate e contribuendo a migliorare globalmente la qualità della pelle.

La crema viso, al contrario del siero, è molto soda, quasi una spuma, di positivo l'ho trovata molto, molto nutriente, ma di negativo è che pur essendo ricca come tocco, ha anche una texture difficile da tirare, che comporta dover usare più crema di quella che effettivamente necessita la pelle.
Nonostante l'uso di crema in abbondanza non mi sono usciti brufoletti, e questo già è super positivo, calcolando sia la presenza di filtri solari (spesso la pelle del mio viso reagisce con brufoletti se i filtri non le piacciono), che la ricchezza in termine di grassi, tra cui spicca anche un po' di Cera d'Api.
Anche qui vengono inseriti diversi estratti vegetali, ma nessun vero attivo antiossidante per la pelle, al contrario abbiamo diversi ingredienti seboassorbenti.
La crema in sé non l'ho trovata spiacevole, a parte la texture troppo densa e dura da spalmare, mi ha anche tenuto bene sotto al trucco.


Mi è dispiaciuto solamente poter fare una valutazione “parziale”, e quindi limitata al prodotto singolo, perché il siero viene consigliato per l'uso mattino e sera, mentre la crema, contenendo SPF, è una crema esclusivamente da giorno, il formato della crema è il doppio rispetto al siero, quindi ho potuto utilizzare l'accoppiata solamente per un quarto del del tempo del test, poi ho proseguito solo con la crema viso.

Anche per oggi è tutto!
Spero che il post sia stato interessante!
A presto!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Promiseland.it, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione

giovedì 11 ottobre 2018

Recensioni di Skincare/Haircare di Settembre! Ecco tutte le recensioni Post-Vacanze!

Ciao a Tutti!
Torno a parlarvi dei prodotti che ho utilizzato nell'ultimo periodo, e specialmente durante le vacanze, dato che quest'anno le mie vacanze sono state costituite da diversi giorni sparsi da fine luglio a metà settembre... ve ne parlo solo ora!
Ho cominciato ad usare alcuni prodotti durante i primi mini-viaggi, altri prodotti e altri campioncini invece sono rimasti per gli ultimi.
Andando sempre in ordine alfabetico, per maggiore comodità... comincio!

Balea – Mizellen Augen Make-Up Entferner Pads – Ölfrei – Nicht Fettend:

Aqua, Propylene Glycol, Aloe Barbadensis Leaf Juice, Dipropylene Glycol, Cocamidopropyl Betaine, Polyglyceryl-4 Caprate, Sodium Chloride, Sodium Citrate, Citric Acid, Ethylhexylglycerin, Sodium Benzoate, Potassium Sorbate, Parfum

50 pz
0,99 €

Nonostante vengano prima in ordine alfabetico, ho cominciato ad usare questi dischetti dopo gli altri.
Si tratta in sostanza di dischetti identici, ma al posto dell'olio struccante, sono imbevuti con acqua micellare.
Li ho trovati da un lato più efficaci, rimuovono davvero una parte di Make Up, quanto a efficacia “chimica”, purtroppo hanno lo stesso fondamentale difetto dei dischetti a base oleosa, sono assolutamente ruvidi e compatti, non hanno assolutamente le qualità per struccare la pelle in modo efficace e delicato.
Se da un lato, per essere senza olio li ho trovati abbastanza efficaci, va però considerato che è necessario troppo sfregamento... non so insomma quanto ne valga la pena!
A questo punto forse vale più la pena di testare i prodotti tipo CottonPlus, che almeno sono dischetti di vero e proprio cotone (almeno all'apparenza), e con l'aggiunta dell'acqua mi aspetto un risultato almeno delicato (poi sull'efficacia però non so!).

Balea – Mizellen Augen Make-Up Entferner Pads – Ölhaltig – für Wasserfestes Make-Up:

Brassica Campestris Seed Oil, Isopropyl Myristate, Tocopheryl Acetate, Simmondsia Chinensis Seed Oil, Helianthus Annuus Seed Oil, Rosmarinus Officinalis Leaf Extract, Polyglyceryl-4 Diisostearate/Polyhydroxystearate/Sebacate

50 pz
0,99 €

Questo è un prodotto che ero così curiosa di provare, sembravano davvero una cosa fighissima, soprattutto in viaggio...
Invece niente... una totale delusione... non funzionano assolutamente nel modo in cui pensavo!
In sostanza sono dei dischetti sottilissimi, ma super ruvidi!
Sembra quasi della normale carta ammollata nell'olio!
Non vanno assolutamente bene per struccare gli occhi, diciamo che possono ancora ancora funzionare per struccare il viso, eliminano tranquillamente il trucco unto, è vero... ma il prodotto che imbeve i dischetti (a parte gli ultimi in fondo) è pochissimo, lascia giusto la sensazione di unticcio che lascia la carta oleata sporca di focaccia genovese, non basta assolutamente a sciogliere il trucco appoggiando solamente il dischetto.
Praticamente bisogna proprio sfregare, per far sì che l'unto raggiunga per bene la pelle.
sono stata veramente delusa!
Non posso che sconsigliarli vivamente!
Li ho “salvati” applicandoli in posa, a lungo, sugli occhi, dopo aver inumidito un po' il mascara, ma serve molto tempo per far arrivare una quantità di olio sufficiente a “smuovere” un po' un trucco non particolarmente waterproof, ma poi serve comunque un po' di bifasico per completare lo strucco, quindi è sostanzialmente un riciclo, non consiglierei mai l'acquisto.

Balea – Men – Fresh Anti-Traspirant:

Aqua, Aluminum Chlorohydrate, Caprylic/Capric Triglyceride, Glyceryl Stearate Citrate, Sodium Stearoyl Glutamate, Menthol, Menthyl Lactate, Parfum, Hydroxyethylcellulose, Cetearyl Alcohol, Phenoxyethanol, Sodium Hydroxide

50 ml
0,79 €

Lo abbiamo portato subitissimo dopo l'acquisto, dato che mi aveva già soddisfatto la prima versione di deodorante antitraspirante di Balea che avevo provato, ho voluto prenderne uno apposito anche per il fidanzato.
Lui già di suo non si faceva problemi ad usare anche il mio, ma abbiamo i prodotti in due stanze diverse... lui è comodo ad avere i profumi e deodoranti in uno scomparto vicino all'armadio... così gli ho preso questo, e l'ho fatto contento!
Funziona bene, proprio come l'altro, solo che ha una fragranza nettamente maschile, sa proprio del classico deodorante per uomo, leggermente alcolico (ma solo come fragranza, perché non contiene alcol), mentre il mio è accettabile come unisex (ha quell'odore un po' vago di “sapone”, leggermente femminile, ma accettabile per diversi uomini).
Io stessa, in vacanza non mi sono fatta problemi ad usare questo, è un odore che comunque non persiste in modo esagerato (più del mio però!), ma non mi dà fastidio.

Balea – Men – Fresh Hydrogel:

Aqua, Glycerin, Coco-Caprylate/Caprate, Cetearyl Isononanoate, Distarch Phosphate, Sodium Acrylate/Sodium Acryloydimethyl Taurate Copolymer, Butyrospermum Parkii Butter, Taurine, Calcium Pantothenate, Potassium Lactate, Urea, Magnesium Lactate, Caprylyl Glycol, Caprylyl/Capryl Glucoside, Ethylhexylglycerin, Acrylates/C10-30 Alkyl Acrylate Crosspolymer, Magnesium Chloride, Xanthan Gum, Sodium Hyaluronate, Sodium Citrate, Glucose, Potassium Chloride, Menthol, Sodium Hydroxide, Citric Acid, Parfum, Phenoxyethanol, Benzoic Acid, Dehydroacetic Acid, C.I. 42090

75 ml
3,95 €

L'avevo inizialmente comprato per il fidanzato, ma alla fine l'ho usato anche io durante le vacanze.
Si tratta di un prodotto molto particolare, per la formula e la texture potrebbe passare benissimo per un dopobarba.
Infatti è una crema-gel molto leggera, leggermente asciutta da tirare, ma accettabile in questo effetto, fresca (anche grazie al Mentolo presente), e nonostante tutto con un ottimo effetto idratante/emolliente.
Insomma, per essere un prodotto “leggerino”, ha una bella formula, molto mirata sull'idratare la pelle, ma senza appesantire e lasciare strati (spesso gli uomini non tollerano questa sensazione, a differenza della maggior parte delle donne).
Non unge la pelle moderatamente grassa, ma sospetto possa andare anche per quella un po' più grassa di quella del mio fidanzato, dato che contiene un po' di sebo-assorbente (Distarch Phosphate).
In ogni caso... il fidanzato mi ha amato più del solito per avergli scelto questo prodottino!
Lo adora!
In vacanza è stato un super prodotto, apprezzatissimo da entrambi, dato che è rinfrescante il giusto per il viso, senza irritare, e apporta il perfetto grado di idratazione ed emollienza, senza eccessi, che sono da evitare soprattutto durante il post-sole, quando la pelle viene già caricata di filtri solari di giorno (che occludono un po', chi più e chi meno) e si inspessisce con l'abbronzatura.

Bottega Verde – Effetto Lifting – Siero Potenziatore:

Aqua, Hydroxypropyl Starch Phosphate, Pentylene Glycol, PEG-40 Hydrogenated Castor Oil, Hydroxyacetophenone, Phenoxyethanol, Pullulan, Parfum, Sodium Hyaluronate, Nelumbium Speciosum Extract, Disodium EDTA, Cinnamyl Alcohol, Hydroxycitronellal, Algae Extract, Linalool, Sodium Hydroxide, Isoeugenol, Potassium Sorbate, Amyl Cinnamal, Sodium Benzoate, Hexyl Cinnamal, Cinnamal, Benzyl Alcohol, Eugenol, Anise Alcohol

30 ml
26,00 €

Anche questo prodotto è stato una bella delusione!
A livello di aspetto e di texture non è tanto diverso dal prodotto Balea (il Fresh Hydrogel di cui vi ho appena parlato), se si esclude la percentuale grassa...
Solo che è un prodotto che praticamente non fa nulla!
Viene spacciato per un Siero, ma di fatto è un gel viso, altro che siero!
Risulta quasi come il Gel d'Aloe sul viso, sul momento sembra idratare, ma frena subito e tende quasi a sfarinare se viene strofinato troppo.
È assurdo, ma se si mette troppo poco prodotto frena e non si sposta, se se ne mette troppo sfarina... insomma proprio non lo consiglierei!
L'ho utilizzato durante un paio di we, in cui non potevo portare con me prodotti delicati, così ho portato solo tubetti (niente contenitori in vetro o che possano rompersi) e ne ho approfittato per questa mini-size di prova...
Ma non è servita ad un tubo!
E non è la mancanza della fase grassa, ma proprio la mancanza di idratanti “veri”, e il tutto in un prodotto già di suo molto asciutto.
Penso sia accettabile come Gel Viso per le pelli estremamente grasse (contiene anche sebo-assorbenti come l'Hydroxypropyl Starch Phosphate) e azzardo a dirlo... potrebbe funzionare come primer per i fondotinta a base acquosa (es. Il Waterweight, che però io ho finito, quindi non ho modo di testare il prodotto in questo modo).

Bottega Verde – Effetto Lifting – Trattamento Collo e Décolleté:

Aqua, Cyclopentasiloxane, Propylene Glycol, Ethylhexyl Stearate, Dicaprylyl Ether, C20-22 Alkyl Phosphate, C20-22 Alcohols, Simmondsia Chinensis Seed Oil, Octyldodecanol, Cetearyl Alcohol, Cyclohexasiloxane, Mel, Helianthus Annuus Seed Oil, Phenoxyethanol, Glycine Soja Protein, Algae Extract, Nelumbium Speciosum Extract, VP/VA Copolymer, Hydroxyacetophenone, Hydroxyethyl Acrylate/Sodium Acryloydimethyl Taurate Copolymer, Pullulan, Squalane, Xanthan Gum, Cetyl Hydroxyethylcellulose, Parfum, Sodium Dehydroacetate, Dimethicone/Vinyl Dimethicone Crosspolymer, Disodium EDTA, Cinnamyl Alcohol, Hydroxycitronellal, Polysorbate-60, Lecithin, Citric Acid, Linalool, Tropolone, Tocopherol, Potassium Sorbate, Isoeugenol, Ascorbyl Palmitate, Sodium Benzoate, Amyl Cinnamal

50 ml
14,49-28,99 €

Si tratta di una cremina bianco avorio, molto spalmabile, la texture e la resa sulla pelle mi piacciono molto.
Nonostante tutto ha una formula accettabile, i rossi sono principalmente ingredienti volatili, che rendono piacevole la texture (e in questo funzionano), mentre poi rimangono come rossi solo i gelificanti, che svolgono lo stesso ruolo texturizzante, ma in quantità davvero minime.
Insomma, non è un prodottone a livello di ecosostenibilità, ma trovo comunque che sia ben formulato, almeno per le mie esigenze.
Ha l'unico difetto di lasciare un po' troppo residuo nel lungo termine, mi rimane la pelle un po' troppo unta in alcune zone, soprattutto il sottoseno, ma usandola non tutti i giorni risolvo anche questo inconveniente.
Insomma, un prodotto abbastanza valido di per sé, ma di certo troppo costoso per quello che è e quello che contiene, quindi lo consiglio, ma con un po' di riserva, potrebbe non incontrare i gusti più comuni.

Bottega Verde – Quillaia – Gel Struccante Viso e Occhi:

Aqua, Pentylene Glycol, Propylene Glycol, Sodium Laureth Sulfate, Cocamidopropyl Betaine, Aminomethyl Propanol, Carbomer, Quillaja Saponaria Bark Extract, Hydroxyacetophenone, Phenoxyethanol, Parfum, Sodium Chloride, Sodium Phytate, Caramel, Ethylhexylglycerin

30 ml
1,00-2,49 €
200 ml
6,99-14,99 €

Ero davvero curiosissima di provare finalmente questo prodotto!
Ne ho sentito parlare ovunque benissimo, ma vista la comodità della mini-size, ho voluto tenere il prodotto proprio per le vacanze!
Purtroppo mi è andata un po' malino, perché ho fatto in tempo ad usarlo solo un pochino durante le vacanze, poi ho avuto una leggera congiuntivite... e bye bye trucco fino a poco fa, quando ho finito la confezione.
Il prodotto è molto particolare, in effetti è un gel molto efficace dal punto di vista della rimozione del trucco, non solo grazie alla presenza di tensioattivi, ma dalla grande quantità di solventi.
Nonostante la mia “ansia”, vista appunto la presenza di tanto solvente, non brucia per nulla sugli occhi.
Rimuove bene il trucco, ha solo un grosso difetto: si asciuga in fretta e la rimozione del trucco dagli occhi fa tirare la pelle!
Insomma, applicandolo direttamente con le dita e massaggiando, è davvero perfetto per il viso, perché rimuove completamente, con discreta facilità, e senza ungere, il trucco, ma per gli occhi asciuga troppo in fretta mentre lo si massaggia, in modo che rimuova il trucco anche alla base delle ciglia, e in pochi secondi massaggiare diventa fastidioso.
Insomma, è un ottimo sostituto dello Strucco-Gel di Bubba in variante oil-free, ma solo per struccare il viso, per gli occhi non mi ha per niente soddisfatto.
Sono comunque contenta di aver ricevuto a sorpresa un'ulteriore confezione di questo prodotto, perché effettivamente l'ho trovato valido, anche se non esattamente per la procedura a cui ero abituata, dato che usavo principalmente struccanti per affinità.

Bottega Verde – Uomo – Cedro Selvaggio – Shampoo-Doccia:

Aqua, Sodium Laureth Sulfate, Cocamidopropyl Betaine, Glycerin, Sodium Chloride, Parfum, Sodium Lauroyl Sarcosinate, PEG-7 Glyceryl Cocoate, Caprylyl Glycol, Benzyl Alcohol, Phenoxyethanol, Hydrolyzed Wheat Protein, Benzoic Acid, Citrus Medica Vulgaris Bark Extract, Linalool, Hydroxycitronellal, Coumarin, Limonene, Alpha-Isomethyl Ionone, Sodium Benzoate, Potassium Sorbate

30 ml

Recensisco anche questo prodotto, che ha utilizzato principalmente il fidanzato, ma che ho voluto comunque testare anche io!
Mi ha colpito subito il profumo pungente, nettamente maschile del prodotto, sicuramente abbondantemente profumato, tipico dei prodotti BV.
Nonostante la fragranza così maschile mi piace comunque, e in alcune occasioni al mare ho provato ad usarlo anche io (ma solo sul corpo, non sui capelli), per curiosità.
Effettivamente nonostante la formula non proprio delicata sulla carta non mi dispiace, lava il giusto, mi sembra adatto per quando bisogna rimuovere la protezione solare dal corpo, e quindi può non bastare il prodotto ultra delicato.
Magari non è perfetto nel lungo termine, specie d'inverno, quando la pelle è più secca, ma per il periodo estivo vale davvero la pena!
Non l'ho provato sui miei capelli, quindi non so se districa, il mio fidanzato di capelli ne ha troppo pochi per giudicare 😅

Clinique – Superdefense – SPF20 – Hydratant Défense Quotidienne:

Aqua, Ethylhexyl Salicylate, Butyrospermum Parkii Butter, Butyloctyl Salicylate, Dimethicone, Petrolatum, Polyester-8, Butyl Methoxydibenzoylmethane, Cetearyl Alcohol, Glyceryl Stearate, PEG-100 Stearate, Butylene Glycol, Glycerin, Threalose, Sigesbeckia Orientalis Extract, Hordeum Vulgare Extract, Triticum Vulgare Germ Extract, Arabidopsis Thaliana Extract, Plankton Extract, Algae Extract, Sea Whip Extract, Lactobacillus Ferment, Micrococcus Lysate, Ergothioneine, Caffeine, Lecithin, Sodium Hyaluronate, Isohexadecane, Potassium Cetyl Phosphate, Tocopheryl Acetate, Ethylhexylglycerin, Squalane, Caprylyl Gycol, Acrylamide/Sodium Acryloyldimethyltaurate Copolymer, Acrylate Copolymer, Acrylates/C10-30 Alkyl Acrylate Crosspolymer, Polyethylene, Tetrahexydecyl Ascorbate, Dimethiconol, Polysorbate-80, Zeolite, Xanthan Gum, Pentaerythrityl Tetra-di-t-butyl Hydroxyhydrocinnamate, Tromethamine, Disodium EDTA, Phenoxyethanol

50 ml
53,00 €

Anche questa è una crema che mi è stata mandata come minisize omaggio in occasione del mio primo ordine dal sito ufficiale di Clinique.
Dato che non conoscevo le formule dei tantissimi prodotti Clinique... sono andata un po' a random... quando ho fatto l'ordine avevo effettivamente la pelle piuttosto secca, essendo stagione invernale...
Solo poi mi sono effettivamente domandata che cosa potevo farmene di una crema piuttosto grassa... ma con SPF 20 in pieno inverno! 😆
Ho quindi provato ad utilizzarla quando avevo effettivamente necessità di un solare per il viso, nei giorni in cui almeno non avevo voglia di truccarmi, e quindi non usavo un fondotinta con SPF.
Purtroppo questa crema si è rivelata ancora più “da farmacia” della precedente, che almeno aveva una texture più morbida.
Questa è effettivamente la classica crema bianca densissima, da vasetto, tipica delle marche che vendono in farmacia.
Come la precedente, anche questa mi ha causato non pochi brufoli, continuo a pensare che siano proprio i filtri solari usati...
Ma la cosa che più mi ha perplesso, è che la crema, all'apparenza, quando la applico, sembra untissima, eppure a fine giornata mi trovo la pelle sì unta, perfino troppo appiccicosa... ma anche “secca”!
Insomma, per me le creme viso “dermatologiche” sono proprio un NO.
Ne ho provate diverse, ma anche dopo pochi giorni non c'è storia... mi danno problemi!
Accettabile per l'uso qualche giorno qua e là, diciamo che per la vacanza è andata bene per i giorni non di mare, dove ci siamo spostati da un luogo all'altro e ci siamo dedicati ad attività al chiuso o in luoghi riparati dal sole, ma anche al mio ragazzo qualche brufolo l'ha tirato fuori... quindi chiaramente non è un prodotto adatto nemmeno a lui.

Ekos – Balsamo Capelli con Succo di Aloe Biologico:

Aqua, Cetearyl Alcohol, Behenamidopropyl Dimethylamine, Glycerin, Butyrospermum Parkii Butter, Lactic Acid, Helianthus Annuus Seed Oil, Aloe Barbadensis Leaf Juice, Dicaprylyl Ether, Lauryl Alcohol, Parfum, Panthenol, Hydrolyzed Rice Protein, Benzyl Alcohol, Dehydroacetic Acid, Linalool

75 ml
1,49 €
250 ml
2,99 €

L'ultimo mini-swap è stato l'occasione perfetta per testare questo prodotto in minisize, soprattutto... proprio a fagiolo per la partenza per le vacanze!
L'ho davvero adorato! È davvero meraviglioso! Super districante!
Ne basta una quantità moderata, per ammorbidire e districare tantissimo i miei capelli, anche in spiaggia, quando ho dei capelli ovviamente impaccatissimi da bagni continui durante per tutto il giorno!
Sale, asciugatura al sole parziale, sabbia... non c'è nulla che a fine giornata non sia stata risolta da questo meraviglioso prodotto!
Il profumo è dolce e delicato, molto adatto a questa tipologia di prodotto, quindi alla fin fine... C'è poco da dire! Lo adoro!

MAC – Cleanse Off Oil:

Cetyl Ethylhexanoate, Olea Europaea Fruit Oil, PEG-20 Glyceryl Triisostearate, Squalane, Simmondsia Chinensis Seed Oil, Triticum Vulgare Germ Oil, Oryza Sativa Germ Oil, Tocopherol, Chamomilla Recutita Flower Oil, Citrus Aurantium Amara Oil, Lavandula Angustifolia Oil, Oenothera Biennis Oil, Aqua, Rosa Canina Fruit Oil, Limonene

150 ml
27,50 €

Come per lo struccante alla Quillaia di BV, questo campioncino è stato perfetto per preparare le valigie delle vacanze! Anche in questo caso però ho potuto a malapena iniziare ad usare il prodotto, perché poi ho dovuto smettere di truccarmi.
Ho ripreso anche questo prodotto una volta ripreso a truccarmi, questo mese.
Sono rimasta STRABILIATA dalla capacità struccante di questo prodotto, l'efficacia è davvero ottima, ma non inimitabile, lo ammetto, ma la cosa che mi ha stupito così tanto è stata la “lavabilità” del prodotto! 😲
Una volta massaggiato sugli occhi riesce a rimuovere tutto il trucco, ma soprattutto non serve usare nessun'altro prodotto o dispositivo per rimuovere il mix olio/trucco, con semplice acqua si riesce a rimuovere sia il trucco, sia qualsiasi residuo di unto, non ho mai visto una tale caratteristica! Per quanto io ami alla follia il TTDO di Clinique, trovo che sia super efficace come struccante, e piacevolissimo da usare, ma devo assolutamente fare una seconda passata con uno struccante/detergente più lavante, o mi rimane davvero tantissimo unto, con questo sono stupita, non rimane NULLA!
Si tratta di un prodotto davvero, davvero caro, in proporzione penso anche più del TTDO, dato che se ne usa di più, ma effettivamente è validissimo!
L'unico difetto che gli trovo è la scomodità del prodotto liquido, effettivamente adoro il TTDO anche per l'estrema praticità d'uso: si preleva facilmente con le dita, non cola una volta applicato, arriva ovunque lo si voglia spalmare.
Questo invece ha il problema di come versarne sulle dita la giusta quantità (essendo poco mi rifiuto di versarlo su un dischetto, ne butterei via la metà), e cola ovunque.
Probabilmente usando il dispenser full-size parte della scomodità andrebbe risolta, ma purtroppo non ho modo di saperlo se non acquistandolo, cosa che sicuramente potrei fare in futuro, magari approfittando di qualche promo.

Nivea Sun – UV Viso Idratante e Opacizzante – 0% Effetto Appiccicoso – SPF 50:

Aqua, Homosalate, Butyl Methoxydibenzoylmethane, Ethylexyl Salicylate, Ethylexyl Triazone, Butylene Glycol Dicaprylate/Dicaprate, Alcohol Denat., Bis-Ethylhexyloxyphenol Methoxyphenyl Triazine, Phenylbenzimidazole Sulfonic Acid, Silica, Cyclomethicone, Tapioca Starch, Behenyl Alcohol, Cetearyl Alcohol, Methylpropanediol, Glycerin, Glycyrrhiza Inflata Root Extract, Tocopheryl Acetate, Sodium Stearoyl Glutamate, Xanthan Gum, Carbomer, Acrylates/C10-30 Alkyl Acrylate Crosspolymer, Dimethicone, Sodium Chloride, Sodium Hydroxide, Trisodium EDTA, Ethylhexylglycerin, Phenoxyethanol, Linalool, Limonene, Benzyl Alcohol, Alpha-Isomethyl Ionone, Geraniol, Citronellol, Coumarin, Parfum

50 ml
10,99 €

Questo è il solare “nuovo”, di quest'anno, che mi è stato passato all'ultima occasione che ho avuto per un mini-swap.
Chi me l'ha ceduto l'ha detto subito che non si era trovata per nulla bene.
Effettivamente viene definito dall'azienda “non appiccicoso”, ma assolutamente non è vero! Appiccica eccome!
Anzi, è fra le creme solari più appiccicose che ho mai provato, se proprio si vuole trovare “una differenza”, se proprio non unge al contrario della maggior parte dei solari, ma per appiccicare... appiccica!
Non l'ho trovato nemmeno opacizzante sinceramente.
Per quanto riguarda l'efficacia dell'SPF e della tenuta sulla pelle assolutamente niente da dire, l'ho usato sia in città, che al mare, e non ho avuto problemi, ho riapplicato il prodotto come sempre dopo ogni bagno (in città invece in caso di necessità spruzzavo il Garnier).
La texture quando spalmo comunque mi piace, effettivamente è una cremina bella spandibile che non frena, solo che appunto, col tempo si mischia al sudore, e al posto di ungere... appiccica...
Se inizialmente è stato una delusione totale anche per il fattore brufoletti (quelli sottili, ma diffusi, tipici come conseguenza del prodotto sbagliato), ma continuando ad usarla effettivamente è come se la pelle si sia “abituata”, e non mi ha più dato questo effetto.
In città è risultata un po' meno appiccicosa e più opacizzante, anche se di sicuro è anni luce dal rispondere pienamente alla definizione del prodotto, ma una volta usata per 4-5 giorni di fila la pelle “si è stabilizzata”, e il prodotto ha dato risultati migliori.
Insomma, non è un prodotto particolarmente caro, quindi in caso di pelle grassa che mal sopporta i solari potrebbe valere un tentativo, soprattutto se è un prodotto che serve solo per qualche giorno, ma se si cerca un'efficacia super anche a livello di texture e finish (es. perché si usa solo un fondotinta privo di SPF e si vuole una protezione 50+ sotto), andrei su altro.

Ecco qui invece i campioncini che sono riuscita ad utilizzare durante le vacanze:

Alkemilla – Crema Solare – Protezione Alta – SPF 50+:

Aqua, Dimethylamino Hydroxybenzoyl Hexyl Benzoate, Ethylhexyl Methoxycinnamate, Propanediol, Caprylic/Capric Triglyceride, Dibutyl Adipate, Dicaprylyl Ether, Diethylhexyl Sebacate, Cetyl Alcohol, Lauryl Glucoside, Ethylexyl Triazone, Bis-Ethylhexyloxyphenol Methoxyphenyl Triazine, Myristyl Myristate, Polyglyceryl-2 Dipolyhydroxystearate, Polyglyceryl-3 Polyricinoleate, Butyrospermum Parkii Butter, Cocos Nucifera Oil, Theobroma Cacao Seed Butter, Aloe Barbadensis Leaf Extract, Junglans Regia Seedcoat Extract, Lawsonia Inermis Extract, Linum Usitatissimum Seed Extract, Malva Sylvestris Extract, Althaea Officinalis Root Extract, Daucus Carota Sativa Root Extract, Zea Mays Oil, Tocopherol, Ascorbyl Palmitate, Glycerin, Sodium Polyacrylate, Benzyl Alcohol, Phenoxyethanol, Sodium Cetearyl Sulfate, Phenetyl Alcohol, Undecyl Alcohol, Sodium Hydroxide, Parfum, Acrylates/C10-30 Alkyl Acrylate Crosspolymer, Carbomer, Tetrasodium Glutamate Diacetate, Lecithin, Amyl Cinnamal, Linalool, Hexyl Cinnamal, Hydroxycitronellal, Citric Acid, Butylphenyl Methylpropional

150 ml
13,44-16,90 €

Nonostante sia un prodotto solare di una nota marca ecobio, qui abbiamo un esempio di crema realizzata non con i più comunemente usati (nelle formule ecobio) filtri inorganici, ma con i classici filtri organici, un po' come avviene per i solari Bioearth.
In effetti questo può essere un vantaggio per quanto riguarda la sensazione sulla pelle del solare, oltre che dell'effetto sbiancante!
Il campioncino mi è bastato giusto per la schiena, quindi la valutazione è ovviamente limitata, in un solare è probabile che per valutare l'efficacia servano molte più applicazioni.
Sicuramente ho notato la scorrevolezza della crema, davvero piacevolissima da spalmare, non sembra nemmeno un solare da quanto è fluida e spandibile!
Per l'efficacia non posso che confermare quello che ho visto: dopo l'applicazione del mattino, prima della seconda riapplicazione di sicuro non mi sono scottata, nonostante abbia passato il tempo in acqua.
Purtroppo non so dire nulla riguardo alla tenuta e all'efficacia a seguito di una seconda riapplicazione... avendo terminato il campioncino, ho dovuto riapplicare la mia solita crema solare.
Ma quello per cui proverei sicuramente il solare... è il meraviglioso profumo di Monoi! I solari così profumosi li ho trovati solo da Bottega Verde, ma ovviamente c'è sempre il fatto che non c'è nessuna attenzione all'ecosostenibilità, per quanto la formula sia sempre a base di filtri organici per entrambi.
Insomma... mi sembra un buon prodotto, ma ovviamente devo considerarne la rivalutazione con il prodotto “intero”.

Bottega Verde – Peptidage – Crema Viso Antietà:

Aqua, Propylheptyl Caprylate, Cyclopentasiloxane, Hydroxypropyl Starch Phosphate Ester, Ethylhexyl Palmitate, Glycerin, C12-15 Alkyl Benzoate, Cyclohexasiloxane, Arachidyl Alcohol, Glyceryl Polymethacrylate, Dimethicone, Butyrospermum Parkii Butter, Mel, Polymethyl Methacrylate, Behenyl Alcohol, Sesamum Indicum Oil, Glyceryl Stearate, PEG-100 Stearate, Tripeptide-1, Phenoxyethanol, Tripeptide-10, Citrulline, Simmondsia Chinensis Oil, Arachidyl Glucoside, Pseudoalteromonas Ferment Extract, Parfum, Imidazolidynil Urea, Centaurea Cyanus Water, Dimethicone/Vinyl Dimethicone Crosspolymer, Methylparaben, Disodium EDTA, Ethylparaben, Hydrolyzed Wheat Protein, Linalool, Hydrolyzed Soy Protein, Carrageenan, Glucuronic Acid, Glucose, Lecithin, Butylphenyl Methylpropional, Benzyl Salicylate, Sodium Ascorbyl Phosphate, Propylene Glycol, Hexyl Cinnamal, Caprylyl Glycol, Butylene Glycol, Xanthan Gum, Limonene, Carbomer, Citronellol, Tocopherol, Ascorbyl Palmitate, Alpha-Isomethyl Ionone, Citric Acid, Coumarin, Triethanolamine

50 ml

Questa è stata la prima crema che ho provato ad usare durante le vacanze, specificatamente per la sera, dato che nei primi giorni usavo la crema solare di mattina.
Per quanto riguarda la texture sembra un po' la classica crema da farmacia, magari sarà anche ricca d'attivi, ma non è piacevolissima da spalmare, purtroppo frena abbastanza.
In effetti la formula sulla carta sembra carina, un sacco di ingredienti anti-age e idratanti/filmanti, niente male davvero.
Però a me non serve applicare tantissimo prodotto, dato che non ho la pelle secca, quindi proprio non riesco ad usare prodotti così densi e poco fondenti.
Peccato, davvero perché mi sembra che la mia pelle la gradisca molto come formula! Ha proprio avuto un bell'effetto idratante, emolliente e non mi ha causato brufoletti, nei tre giorni in cui l'ho usata per la notte.
La linea sembrerebbe che sia ormai fuori produzione, ma chissà, ogni tanto BV torna riprendendo la produzione su linee passate... Almeno questa, tra tutto il suo assortimento, non mi sembra per nulla male come formula!
Purtroppo non so, forse non ha nemmeno avuto molto successo, perché non riesco nemmeno a reperire qualche informazione online, come il prezzo originale... sembra quasi un prodotto passato in sordina, cosa davvero strana!

Bottega Verde – Pesca e Albicocca – Crema Fresca Idratante:

Aqua, Glycerin, Cyclopentasiloxane, Cetearyl Isononanoate, Alcohol Denat., Caprylic/Capric Triglyceride, Cyclohexasiloxane, Saccharide Isomerate, Phenoxyethanol, Prunus Armeniaca Juice, Prunus Persica Juice, Hydroxyethyl Acrylate/Sodium Acryloydimethyl Taurate Copolymer, Squalane, Hydroxyacetophenone, Parfum, Dimethicone/Vinyl Dimethicone Crosspolymer, Sodium Polyacrylate, Acrylates/C10-30 Alkyl Acrylate Crosspolymer, Hydrogenated Polydecene, Polysorbate-60, Sodium Phytate, PPG-5-Laureth-5, C.I. 15985, Salicylic Acid

50 ml
9,99-19,99 €

Questa è stata la seconda crema che ho cominciato ad usare durante la vacanza, dato che cominciavo a necessitare di prodotti più leggeri.
È una crema più leggera della precedente, profumata e color pesca, molto più stendibile.
Ho sperato potesse essere un prodotto più adatto al clima caldo, che è arrivato dopo i primi giorni, che invece erano più tranquilli.
La formula in sé non è particolarmente ricca, ci sono i succhi di frutta (sicuramente liofilizzati) e qualche umettante... è davvero un peccato, perché quanto a texture mi è piaciuta molto!
È fresca, dà sul momento l'effetto che sia idratante, abbastanza stendibile a differenza di molte altre, mi è piaciuta, ma effettivamente ha una formula un po' scarsina, adatta giusto alla pelle delle giovanissime.
Ovviamente da acquistare solamente se scontata, visto quello che contiene non vale assolutamente la pena di prenderla a prezzo pieno, anche per pelli non particolarmente esigenti.

Estèe Lauder – Re-Nutriv – Ultimate Diamond – Crema Contorno Occhi Rivelatrice d'Energia:

Aqua, Butyrospermum Parkii Butter, Butylene Glycol, Dimethicone, Neopentyl Glycol Diheptanoate, Microcrystalline Wax, Coco-Caprylate/Caprate, Glycerin, PEG-100 Stearate, Stearyl Alcohol, Glyceryl Stearate, Cetyl Ricinoleate, Methyl Trimethicone, Isohexadecane, Hydrogenated Starch Hydrolysate, Narcissus Tazetta Bulb Extract, Prunus Mume Fruit Extract, Saccharomyces Ferment Lysate Filtrate, Asparagopsis Armata Extract, Hydrolyzed Rice Protein, Tuber Melanosporum Extract, Hydrolyzed Wheat Protein, Helianthus Annuus Seed Extract, Algae Extract, Ascophyllum Nodosum Extract, Coffea Arabica Seed Extract, Hordeum Vulgare Extract, Salvia Sclarea Extract, Triticum Vulgare Germ Extract, Hydrolyzed Yeast Protein, Aminopropyl Ascorbyl Phosphate, Hydrolyzed Rice Extract, Artemia Extract, Laminaria Ochroleuca Extract, Saccharum Officinarium Extract, Helianthus Annuus Seedcake, Dipotassium Glycyrrhizate, Acetyl Hexapeptide-8, Ammonium Acryloyldimethyl Taurate/Beheneth-25 Methacrylate Crosspolymer, Ergothioneine, Dextrin, Squalane, Acetyl Glucosamine, Caffeine, Sigesbekia Orientalis Extract, Dicaprylyl Carbonate, Gold, C20-40 Pareth-10, Polysilicone-11, Acrylamide/Sodium Acryloyldimethyltaurate Copolymer, Propylene Glycol Dicaprate, Caprylic/Capric Triglyceride, Steareth-20, Sucrose, Steareth-10, Lauryl PCA, Tocopheryl Acetate, Sorbitol, Chamomilla Recutita, Polymethylsilsesquioxane, Stearic Acid, Citric Acid, Pentylene Glycol, Aluminum Hydroxide, Caprylyl Glycol, Polysorbate-80, Sodium Hyaluronate, Disodium EDTA, BHT, Sodium Dehydroacetate, Phenoxyethanol, Mica, Titanium Dioxide (C.I. 77891), Iron Oxides (C.I. 77491, C.I. 77492, C.I. 77499)

15 ml 
250,00 €

Per la prima volta nella mia vita ho avuto occasione di provare un prodotto di questo calibro di prezzo (ho ancora i capogiri 😰!), ma devo ammettere che per quanto il prodotto mi sia piaciuto... non mi ha nemmeno strabiliato.
Il prodotto è assolutamente ricchissimo, sia in termini di INCI, che in termini di texture, soprattutto per quest'ultimo fattore l'ho trovato fin troppo “carico” per l'estate.
La stendibilità è davvero ottima, e per quel prezzo, sarebbe da tirarglielo dietro se così non fosse!
Solo che penso sia un prodotto che funziona solo per un contorno occhi piuttosto secco.
Il campioncino è minuscolo, ed è durato per 4-5 applicazioni (tutte serali), ed è oggettivamente difficile essere sicuri di applicare la quantità corretta, infatti è probabile che io abbia applicato più prodotto del necessario, quindi considero che possa risultare più leggero usandone meno, potendo prelevare il prodotto dal vasetto.
Viene fornito anche un applicatore proprio per questo motivo!
Tirando le somme... è un prodotto sicuramente valido, e che trovo adatto ad un contorno occhi piuttosto maturo e secco, ma di certo non vale il suo prezzo! Viene volutamente “aumentato” il suo valore con l'aggiunta di ingredienti che dal punto di vista cosmetico sono perfettamente inutili, come l'Oro, ma ha senso solo per far lievitare il prezzo e dare un'apparenza di “esclusività” al prodotto... insomma... puro Marketing per High Brands!

Estèe Lauder – Re-Nutriv – Ultimate Diamond – Crema Viso Rivelatrice d'Energia:

Aqua, C12-20 Acid PEG-8 Ester, Coco-Caprylate/Caprate, Caprylic/Capric Triglyceride, Butylene Glycol, Dimethicone, Cetyl Ricinoleate, Glycerin, Cetyl Alcohol, Salvia Sclarea Extract, PEG-100 Stearate, Triticum Vulgare Germ Extract, Pentylene Glycol, Saccharomyces Ferment Lysate Filtrate, Hypnea Musciformis Algae Extract, Laminaria Ochroleuca Extract, Sigesbekia Orientalis Extract, Helianthus Annuus Seed Extract, Narcissus Tazetta Bulb Extract, Tuber Melanosporum Extract, Coffea Arabica Seed Extract, Cucumis Sativus Fruit Extract, Fuscusporia Obliqua Extract, Hordeum Vulgare Extract, Artemia Extract, Cordyceps Sinensis Extract, Boswellia Serrata Extract, Laminaria Digitata Extract, Algae Extract, Hydrolyzed Rice Extract, Caffeine, Ergothioneine, Dipotassium Glycyrrhizate, Acetyl Hexapeptide-8, Squalane, Sodium Hyaluronate, Yeast Extract, Hydrolyzed Yeast Protein, Caprylyl Glycol, Propylene Glycol Dicaprate, Potassium Cetyl Phosphate, Pearl Powder, Helianthus Annuus Seedcake, Sodium Acrylate/Sodium Acryloydimethyl Taurate Copolymer, Hydrolyzed Wheat Protein, Hydrogenated Starch Hydrolysate, Hydrogenated Polydecene, Gold, Carbomer, Hydrolyzed Rice Protein, Tocopheryl Acetate, Aminopropyl Ascorbyl Phosphate, Laureth-8, Citric Acid, Polymethylsilsesquioxane, Parfum, Hexylene Glycol, Cellulose, Tromethamine, Lecithin, Xanthan Gum, Disodium EDTA, Phenoxyethanol

50 ml
300,00-355,00 €

In modo simile alla crema per il contorno occhi, ho abbastanza apprezzato il prodotto (un po' meno in realtà), anche se non l'ho trovato favoloso quanto vogliono far credere.
L'INCI, per quanto non verde, è innegabilmente ricco, e se non fosse così ci perderebbero solo in credibilità, visto il prezzo.
Rispetto al contorno occhi, però ho perplessità ancora maggiori, se il contorno occhi era piuttosto stendibile, la consistenza molto ricca e grassa della crema non si è tradotta con la stessa texture.
La stendibilità del prodotto è ridotta, si è rivelata una crema accettabile, ma non estremamente soddisfacente per texture e comfort durante l'applicazione, è insomma un prodotto piuttosto grasso e nutriente, ma che si stende bene proprio per l'eccesso di grasso, non per la formula fondente.
Insomma, abbiamo a che fare con lo stesso prezzo rialzato solo tramite l'aggiunta di ingredienti cosmeticamente inutili, e una texture troppo grassa e poco fondente.
Insomma, se da un lato la presenza grassa la caratterizza come crema specifica per pelli piuttosto secche, la texture poco fondente non la capisco nemmeno.
Per il costo che ha come minimo dovrebbe fondersi istantaneamente con la pelle, non dovrebbe dare la sensazione di “dover tirare” la crema per spalmarla su tutto il viso.
Anche mettendone di più non l'avrei apprezzata maggiormente, il campioncino è bastato per 3 applicazioni, e già dopo queste ho avvertito fin troppo unto sulla pelle, quindi non sarebbe stata una maggiore quantità di prodotto a risolvere il problema, anzi, ne avrebbe risolto uno (la spalmabilità), sacrificando però l'efficacia, perché probabilmente avrei trovato la crema troppo occlusiva.

L'Erbolario – Accordo Viola – Bagnoschiuma:

Aqua, Coco-Glucoside, Disodium Cocoyl Glutamate, Lauryl Glucoside, Parfum, Glycerin, Sodium Cocoyl Glutamate, Viola Odorata Extract, Viola Tricolor Extract, Sodium Lauroyl Oat Amino Acids, Hydrolyzed Rice Protein, Xanthan Gum, Citric Acid, Benzyl Alcohol, Alpha-Isomethyl Ionone, Citronellol, Geraniol, Potassium Sorbate, Sodium Benzoate

300 ml
10,90 €

Nonostante ve ne parli prima, questo è stato il secondo bagnoschiuma che mi sono portata in spiaggia per la comodità di non dovermi portare il flacone.
Avevo cominciato con la variante Camelia, di cui vi parlo poco sotto.
Nonostante la formula sia differente, li ho trovati molto simili per texture e setosità sulla pelle.
Anche questo è un detergente trasparente, ma scuro, a questo punto penso che sia dovuto alle proteine aggiunte.
Come la crema mani che avevo usato diversi anni fa è profumosissimo!
Una delle profumazioni da bagnoschiuma che ho preferito, fra tutte!
Se non la vedo per nulla per un profumo, e per  prodotti viso/corpo la vedo un po' più “indifferente”, mi sembra proprio una coccola dolce e fiorita in un prodotto da usare per rilassarsi sotto la doccia!

L'Erbolario – Bagnodoccia Doposole – Prolungatore d'Abbronzatura:

Aqua, Lauryl Glucoside, Sodium Cocoyl Barley Amino Acids, Sodium Cocoyl Glutamate, Cocamidopropyl Betaine, Coco-Glucoside, Disodium Cocoyl Glutamate, Glyceryl Oleate, Daucus Carota Sativa Extract, Junglans Regia Shell Extract, Sodium Lauroyl Oat Amino Acids, Potassium Caproyl Tyrosine, Glycerin, Citric Acid, Alpha-Isomethyl Ionone, Eugenol, Hexyl Cinnamal, Limonene, Linalool, Sodium Chloride, Potassium Sorbate, Sodium Benzoate

375 ml
12,50 €

Data la premessa... Questo è stato l'ultimo campioncino di bagnoschiuma che ho utilizzato al mare, proprio l'ultimo giorno di spiaggia.
Il prodotto è notevolmente diverso dagli altri, nonostante contenga Mallo di Noce (almeno guardando le indicazioni sulla bustina), è il più chiaro dei tre bagnoschiuma, tutti L'Erbolario, e assolutamente non aggiunge colore alla pelle.
Non noto fondamentali differenze da un qualsiasi altro bagnoschiuma dell'azienda, è sempre piuttosto delicato, molto setoso e con una schiumosità discreta.
Quello che ho notato in particolare, dopo aver usato due bagnoschiuma molto profumati, è che questo proprio sembra quasi inodore.
Se si presta molta attenzione, e si annusa direttamente la bustina effettivamente si percepisce un certo profumo, leggermente aspro e lievemente fruttato.
Insomma, tra tutti non è il mio preferito, ma male non è.

L'Erbolario – Camelia – Bagnoschiuma:

Aqua, Disodium Cocoamphodiacetate, Cocamidopropyl Betaine, Lauryl Glucoside, Coco-Glucoside, Parfum, Glycerin, Camellia Japonica Flower Extract, Sodium Lauroyl Oat Amino Acids, Hydrolyzed Linseed Seed, Sodium Chloride, Citric Acid, Alpha-Isomethyl Ionone, Benzyl Salicylate, Limonene, Linalool, Potassium Sorbate, Sodium Benzoate

300 ml
10,90 €

Questo è stato il primo bagnoschiuma che mi sono portata da usare in spiaggia, rispetto ai normali bagnoschiuma della marca è stranamente scuro, ambrato, ma come tutti gli altri che ho provato, anche di recente, è morbido e setoso.
Notevole anche per quanto è profumoso, davvero tanto!
Non conoscevo il profumo della Camelia, ma sicuramente questo ha una fragranza molto, molto fiorita e dolce, davvero coccolosa, anche se possibile che non sia del tutto realistica.
Però che dire? a me è piaciuto davvero un sacco!
Sia per la texture, come sempre notevole, che per la formula, del tutto verde ad esclusione degli allergeni del profumo, che per la fragranza!

Sephora – Gel Micellare Struccante Ultra-Dolce:

Aqua, Propanediol, Poloxamer 184, Glycerin, Phenoxyethanol, Acrylates/C10-30 Alkyl Acrylate Crosspolymer, Caprylyl Glycol, 1,2-Hexanediol, Disodium EDTA, Sodium Hydroxide, Centaurea Cyanus Flower Extract, Potassium Sorbate, Cassia Angustifolia Seed Polysaccharide, Hydroxyethylcellulose

400 ml
14,90 €

Avevo provato diverse volte questo prodotto da Sephora, ma solo per struccarmi la mano... purtroppo non dà per nulla l'idea del suo funzionamento effettivo sul viso.
Ci sono proprio rimasta, perché per struccare viso e occhi è del tutto inutile... praticamente è come non mettere nulla!
Ho provato sia usando un dischetto, che usando direttamente il contenuto dell'intera bustina sul viso, quasi come uso il latte detergente, sfregando un pochino con le dita...
e niente! Una delusione totale!
Penso vada bene solo per rimuovere polveri minerali, BBCream e Gloss o rossetti molto cremosi!
Purtroppo puzza tremendamente di Alcol, sugli occhi non mi dà nessun fastidio, ma effettivamente non è gradevole da sentire!

Anche per oggi è tutto!
Spero che il post sia stato interessante!
A presto!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Promiseland.it, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione

lunedì 8 ottobre 2018

Cos'è il PAO?

Ciao a Tutti!
Torno facendo un approfondimento un po' particolare, mi sono resa conto che effettivamente vi ho parlato in diverse occasioni di INCI e di normative e certificazioni... ma non vi ho mai parlato del PAO!



Innanzitutto, cominciamo col definirlo!
La sigla sta per:

Period
After
Opening

Il PAO è stato introdotto dalla direttiva 2003/15/CE dell'UE, e indica, in mesi, il periodo entro il quale il cosmetico, una volta aperto, può essere utilizzato senza effetti nocivi.
Il numero, in mesi, viene inserito nel disegno di un barattolo aperto, seguito dalla lettera “M”:


Riguarda principalmente il rischio sanitario derivante dall'uso del prodotto, non la “performance” del prodotto, che può coincidere, ma anche no.

Ma vediamo più dettagliatamente la normativa, che ha comunque avuto degli aggiornamenti con il  Regolamento (CE) n. 1223/2009, e che io ho sintetizzato per snellirne un attimo la comprensione:

  • L’etichetta deve essere redatta conformemente all’articolo 19
  • Le indicazioni devono essere riportate in lingua italiana per i prodotti commercializzati in Italia.
  • I prodotti cosmetici possono essere  messi a disposizione sul mercato solamente se il recipiente e l’imballaggio dei prodotti cosmetici recano le seguenti indicazioni, in caratteri indelebili, facilmente leggibili e visibili: 
  1. Il nome o la ragione sociale e l’indirizzo della persona responsabile
  2. Il contenuto nominale espresso in peso o in volume, con possibili deroghe per i campioni gratuiti, per le monodosi e per gli imballaggi con un contenuto inferiore a 5 g o a 5 ml e gli imballaggi preconfezionati solitamente commercializzati per insieme di pezzi
  3. La data entro cui il prodotto può essere utilizzato, se opportunamente conservato, entro cui continua a svolgere la sua funzione iniziale (data di durata minima); tale data è preceduta dal simbolo di una clessidra o dalla dicitura “Usare preferibilmente entro”
    1. a) Per i prodotti con durata minima superiore a trenta mesi, invece, deve essere riportata un'indicazione relativa al periodo di tempo in cui il prodotto, una volta aperto, può essere utilizzato senza effetti nocivi, preceduta dal simbolo rappresentante un barattolo aperto o dall’acronimo PAO. Sono oggetto di possibili deroghe i prodotti monodose, i prodotti confezionati in modo tale da evitare il contatto tra il cosmetico e l’ambiente circostante (es. Spray sigillati a pressione) e i prodotti per i quali il produttore certifichi che la formula è tale da impedire qualsiasi rischio di deterioramento
  4. L’elenco degli ingredienti, o INCI, di cui vi ho parlato dettagliatamente in un passato approfondimento. A questo riguardo, i composti odoranti e aromatizzanti e le loro materie prime sono riportati nell’elenco INCI con il termine generico di  “Parfum” o “Aroma”
    1. a) Le sostanze odoranti e aromatizzanti che costituiscono possibili allergeni, e la cui esplicita indicazione è prescritta per legge, vanno esplicitate con le loro specifiche denominazioni nell’elenco delle sostanze in base alla loro presenza percentuale
    2. b) Nel caso delle varianti di colore riguardanti i cosmetici di Make Up possono essere menzionati in una stessa etichetta tutti i coloranti utilizzati nella gamma specifica aggiungendoli a fine lista dopo il simbolo “+/-” o l'indicazione “può contenere”,   il colorante può essere inserito secondo la denominazione standard o con il codice corrispondente secondo la nomenclatura olour Index, o entrambi
    3. c) Gli ingredienti impiegati nei prodotti cosmetici devono essere dichiarati sul recipiente e sulla confezione dei prodotti  tenendo conto dell'inventario e della nomenclatura comune nella versione aggiornata dalla Decisione 2006/257/CE.
  5. Le precauzioni di impiego (necessariamente in italiano). In caso di impossibilità pratica a riportare sul contenitore o sull’imballaggio esterno le precauzioni particolari per l'impiego, queste devono essere contenute in un foglio di istruzioni, una fascetta o un cartellino allegati. A tali indicazioni il consumatore deve essere rinviato mediante un'indicazione abbreviata o mediante il simbolo di consultazione, che mostra un libro con una mano sovrapposta
  6. Il numero del lotto di fabbricazione o il riferimento che permetta di identificare il prodotto cosmetico
  7. Il Paese d’origine per i prodotti fabbricati in paesi extra UE. È obbligatorio riportare “MADE IN
All'interno di questa normativa il PAO rappresenta quindi un'alternativa alla scadenza, perché si presume che il contatto con l’ambiente esterno possa alterare le caratteristiche del prodotto nel tempo (per esempio, modificarne colore o consistenza oppure favorire la contaminazione microbica).
Questo è il motivo per cui i prodotti monodose e alcuni spray sono esenti, possono durare molto a lungo, senza rischi di deterioramento proprio per la loro mancanza di contatto con l'ambiente, anche nel lungo periodo.

Anche per oggi è tutto!
A presto!
Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Promiseland.it, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione