lunedì 16 settembre 2019

Come avviene la Tintura del Capello?

Ciao a tutti!
Torno anche oggi con un approfondimento legato ai capelli, con cui riprendo l'ultimo, quello sulla definizione del colore, che ho affrontato in un Approfondimento ormai di un po' di tempo fa.
Dato che la definizione “sulla carta” del colore scelto non è garanzia di ottenere esattamente quel risultato, cercherò di mostrarvi perché.


Come vi ho detto in una delle occasioni scorse, il capello è reso colorato da due tipi di melanine: Eumelanina e Feomelanina, che possono essere presenti nel capello in forma diffusa o granulare. 
Questi pigmenti risultano non solubili in acqua, ma solo in acidi forti, e sono decolorabili con Acqua Ossigenata.
Queste due diverse proteine e la loro distribuzione nelle fibre del capello determina non solo il colore di partenza, ma anche la base che “rimarrà” a seguito di un intervento chimico.
Come mai è così difficile ottenere determinati riflessi? Spesso perché la base di partenza è molto ricca di giallo, ovvero di Feomelanina gialla.

Per capire come i colori reagiscono con la propria base, vediamo prima di capire com'è strutturato il capello:


Il capello ha sicuramente delle nette differenze rispetto ai normali peli, presenti in quasi tutte le aree del corpo, anche se non sempre visibili, ma fondamentalmente la struttura è simile.
Il capello è situato nel follicolo pilifero, una struttura cutanea inclinata di circa 75° rispetto alla superficie cutanea. 
La parte inferiore del follicolo si trova nella parte più profonda del derma, vi avevo parlato in questa occasione della struttura della pelle.
Il capello vero e proprio, che spunta dal follicolo, si sviluppa in tre parti: bulbo, radice e stelo/fusto; la prima parte è la più profonda, quella racchiusa nel follicolo, non visibile, da cui comincia a formarsi il capello, dalle cellule della matrice, la seconda è la parte del capello che fuoriesce dal follicolo, ma rimane in profondità nel derma, mentre la terza, e ultima, è la parte del capello che noi normalmente vediamo, e che si sviluppa fino alle punte.
Il capello è una struttura di fibre proteiche che si sviluppano in una forma cilindrica, composta da strati concentrici.

Il capello si forma dando struttura a tre strati principali: Midollo, Corteccia e Cuticola.

  • Il Midollo forma la struttura più interna, è composto da cellule arrotondate, disposte a colonne, e non è presente nei capelli più fini.
  • La Corteccia compone gran parte della struttura del capello, è formata da fibre, contenenti anche un mix di pigmenti naturali: le melanine.
  • Lo strato più esterno, la Cuticola, è formata da un'unica fila di cellule trasparenti e sottile, che compongono le “squame” esterne del capello. Queste cellule, appunto trasparenti, sono quelle che vanno “spostate” per poter modificare il colore del capello, determinato dai pigmenti presenti nella Corteccia.

Se i pigmenti naturali, come ho detto in precedenza, e la Cheratina sono solubili in Acidi Forti, la cuticola del capello può essere aperta solamente tramite una Base Forte.
Il risultato è che la procedura di Tintura Permanente, l'unica che cambia il colore in modo definitivo, deve comportare per forza di cose variazioni estreme di pH, motivo per cui le tinture risultano come prima causa dei capelli rovinati e sfibrati.

Una volta vista la struttura del capello, andiamo bene ad analizzare le diverse offerte sul mercato:

Colorazione Temporanea


Si tratta di una tintura composta principalmente da cosmetici contenenti pigmenti che vanno semplicemente a depositarsi sulla Cuticola del Capello, senza agire in nessun modo nella Corteccia.
Proprio per questo motivo la durata è irrisoria, e si perde nel giro di qualche lavaggio.

Colorazione Semipermanente


Normalmente si parla di Colorazione Semipermanente quando il colore resiste dai 4 agli 8 lavaggi, solitamente sono prodotti che si sovrappongono al colore naturale, colorando quindi i capelli bianchi, ma senza possibilità di decolorazione.
Può essere aumentato il colore di un tono, oppure può essere fatta una variazione di tono, scaldando o raffreddando il colore naturale.

Colorazione Permanente


Questo è il tipo di tintura a cui si pensa solitamente parlando di colorazione per i capelli, si tratta di composti che reagiscono in situ (nel capello) e che quindi dipendono anche dalla stessa colorazione presente nel capello.
Implicano l'utilizzo di molte sostanze differenti, che servono a far penetrare il pigmento chimico, a farlo reagire nel modo corretto e nel caso sia necessario, a schiarire il colore di partenza.
Hanno il vantaggio di un ventaglio infinito di toni e sfumature, coprono perfettamente i capelli bianchi, e hanno anche costi discretamente economici, lo svantaggio principale sta nello stress che deve subire il capello, o nelle possibili allergie/irritazioni da contatto.

Proprio in quest'ultimo caso, il colore che uscirà dopo la tintura, dipende da innumerevoli fattori, non sempre prevedibili al 100% da un parrucchiere, ancora meno da chi si accinge alla tintura casalinga.


Anche per oggi è tutto!
A presto!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Promiseland.it, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione, e in particolare A.V., parrucchiere e amico che mi ha aiutato a destreggiarmi nel sistema cromatico delle tinture per capelli!

giovedì 12 settembre 2019

Make Up Reviews di Agosto!

Ciao a Tutti!
Anche oggi torno a parlarvi di qualche prodotto da Make Up che ho avuto modo di utilizzare negli ultimi tempi:

Alkemilla – New Age Filler – Antirughe Istantaneo:

Aqua, Magnesium Aluminum Silicate, Halidrys Siliquosa Extract, Cynara Scolymus Leaf Extract, Vaccinium Myrtillus Fruit Extract, Equisetum Arvense Leaf Extract, Arctium Lappa Root Extract, Taraxacum Officinale Rhizome/Root Extract, Camelia Sinensis Leaf Extract, Silybum Marianum Extract, Hydrolyzed Hibiscus Esculentus Extract, Argania Spinosa Kernel Extract, Acacia Decurrens Flower Cera, Helianthus Annuus Seed Cera, Jojoba Esters, Polyglucuronic Acid, Panthenol, Tocopherol, Lauroyl Lysine, Dextrin, Mica, Glycerin, Benzyl Alcohol, Propanediol, Phenethyl Alcohol, Sodium PCA, Fructose, Glycine, Inositol, Urea, Sodium Lactate, Niacinamide, Silica, Parfum, Xanthan Gum, Undecyl Alcohol, Sodium Silicate, Benzoic Acid, Sodium Cocoyl Glutamate, Dehydroacetic Acid, Benzyl Salicylate, Limonene, Polyglycerin-3, Alpha-Isomethyl Ionone, Citronellol, Hexyl Cinnamal, Iron Oxides (C.I. 77491), Titanium Dioxide, Linalool, Lactic Acid

15 ml
14,50 €

Come prodotto l'ho trovato davvero molto, molto particolare.
Viene indicato come una sorta di Primer, sia per il viso, che per gli occhi, ad effetto Filler...
In realtà non l'ho trovato propriamente valido per nessuna delle due cose.
Sicuramente non riempe le rughe, questo è proprio lampante!
Al massimo, visto il contenuto di Silice, si comporta da asciugante, cosa che in teoria funziona nell'idea di essere un Primer, specie se dedicato alle pelli a tendenza grassa.
In realtà sì, asciuga abbastanza i fondotinta che applico successivamente, cosa che per alcuni può andare bene (i più acquosi e idratanti), specie in questa stagione, ovviamente non può proprio andare per la stagione fredda, conto infatti di finirlo prima!
L'ho anche utilizzato sulle palpebre prima del trucco occhi... se da una parte l'effetto abbastanza “asciutto” sul momento c'è, non funziona per la tenuta del trucco, quello proprio no.
Probabilmente in questo senso sì, potrebbe migliorare nella stagione fredda, ma ho ben altri primer più validi a cui pensare, non lo consiglierei specificatamente per questo ecco.

Max Factor – Facefinity Compact Foundation – SPF20 – 006 Golden:

Mica, Talc, Dimethicone, Titanium Dioxide (Nano), Ethylhexyl Methoxycinnamate, Methicone, Methyl Methacrylate Crosspolymer, Methylparaben, Sodium Dehydroacetate, Propylparaben, Hydrogen Dimethicone, BHT
May Contain(+/-):
Titanium Dioxide (C.I. 77891), Iron Oxides (C.I. 77492, C.I. 77491, C.I. 77499)

10 g
13,99 €

Come vi avevo mostrato, mi è stato ceduto questo fondotinta compatto a inizio autunno, la persona che me lo ha ceduto ha una carnagione già leggermente più scura della mia, chiaramente non ho avuto modo di usare il prodotto fino all'anno dopo (alla faccia del PAO 😅!).
Essendo un prodotto in cialda non mi sono fatta problemi, se non sul fattore SPF, che non trovo cruciale nel mio caso.
Inoltre ero piuttosto curiosa di provare, dopo tanto tempo, un fondo compatto.
L'unico Fondo non cremoso che ho provato di recente è stato il Fondo Minerale in polvere libera di Neve, che però ho “inquadrato” solo dopo essermi incartapecorita per anni, ero curiosa quantomeno di approcciarmi in modo “scientifico” al prodotto.
Prima di avere la carnagione adatta, ho provato in alcune occasioni il prodotto “come prova”, anche per testarne effettivamente il colore nella pratica.
Quello che mi ha colpito fin da questi primi test è stata la texture, sembra proprio carina, non me la aspettavo più da un prodotto “secco”.
Ha una grana molto, molto fine, se usato con la spugna in dotazione (o una equivalente), ha una coprenza anche abbastanza consistente, tanto che non è stato il mio metodo preferito d'uso.
Infatti, proprio all'inizio, quando mi mancava ancora quel filino di colorito perché il colore fosse giusto, ho provato ad utilizzarlo come bronzer, un po' come ho fatto l'anno scorso con i campioncini di fondo non salvabili, con l'unico inconveniente che, essendo in polvere, dovevo utilizzare un pennello.
Non che non ci sarei arrivata a provarlo comunque eh, ma la prima prova a pennello è stata una svolta!
L'ho trovato meraviglioso per essere un fondo non liquido/cremoso!
Ho usato diversi pennelli, anche quelli sintetici, dato che non dovevo proprio sfumare, e ho visto quanto la polvere fosse di buona qualità rispetto al Fondo Neve, oltre che coprente il giusto, non troppo da diventare troppo “effetto cemento”, e nemmeno troppo poco da essere inutile.
Ho applicato il prodotto con diverse passate a pennello, per essere sicura di dare uno strato minimo più o meno omogeneo, mentre ho calcato un pochino di più nella zona “bronzer”, così da dare, con un solo prodotto, un minimo di tridimensionalità al viso.
La cosa che mi ha sorpreso di questa polvere è proprio il finish, opaco, ma non troppo polveroso, con una spruzzata di Fix+, l'effetto non è tanto diverso da un fondo cremoso fissato con la cipria!
Inoltre, nel periodo caldo, quando basta poco per lucidarsi, se anche l'effetto iniziale è un pochino troppo opaco, basta poco perché si perda l'eccesso di opaco! Anzi, meglio magari usare una buona crema idratante, un prodotto abbastanza opaco come questo, e poi lasciar fare alla pelle (almeno nel mio caso, visto che non sudo in modo particolarmente copioso, di certo non mi trucco in questo modo per fare sport ecco).
Insomma, prodotto che sicuramente rivaluterò per le prossime estati, anche se magari in una tonalità leggermente più chiara (se c'è)!

Nevecosmetics – Cipria Abbronzante – Kalahari:

Mica, Silica, Iron Oxides (C.I. 77491, C.I. 77492, C.I. 77499)

4 g
10,96-12,90 €

Ero molto titubante quando mi è stato passato questo Bronzer (Cipria Abbronzante mi sembra un po' fuorviante come termine).
Non ne avevo mai usati, se non l'anno scorso, quando però utilizzavo come “Bronzer” dei fondotinta discretamente più scuri del mio incarnato, e li sfumavo al fondo del mio colore corretto.
Al contrario delle mie aspettative... mi è piaciuto davvero un sacco come prodotto!
L'ho trovato davvero adatto al mio colorito, e ho trovato il modo per sfruttarlo molto bene, è proprio un classico marroncino caldo, ma non tira troppo giallo, né troppo arancione, è proprio del colore giusto per adattarsi ad un'abbronzatura “media”, cioè quella che compare naturalmente con l'arrivo della bella stagione e delle giornate all'aria aperta (rigorosamente con la protezione solare!), senza che si vada apposta “a prendere il sole” o al mare.
Va sicuramente notato che come Bronzer è effettivamente poco coprente, in questo senso ha qualche elemento della “Cipria”.
Essendo poco scrivente, permette davvero una buona gestione della sfumatura, e un effetto che va a valorizzare molto bene l'abbronzatura naturale.
Certo, l'inghippo del chiamarlo “Cipria” piuttosto che col suo nome “Bronzer”, sta nel fatto che non sostituisce per nulla una Cipria!
Per settare le creme le setta, ma essendo di un colore nettamente più scuro di un colorito italiano medio, o siete di colore, e allora ci può stare, o uscireste “appiattite” con l'uso di questo prodotto su tutto il viso.
Va usato come un normale Bronzer, nelle zone “esposte” al sole del viso: Naso, parte alta ed “esposta” sopra agli zigomi e in base alla forma del viso, la striscia della fronte proprio sopra alle sopracciglia.
Quindi, prima di utilizzare questo prodotto, bisogna per forza di cose usare una cipria trasparente su tutto il viso, per fissare le creme, e solo dopo procedere con le polveri, compresa questa!

Nevecosmetics – Bronzer Minerale – Bahamas:

Mica (C.I. 77019), Titanium Dioxide (C.I. 77891), Iron Oxides (C.I. 77491, C.I. 77492, C.I. 77499)

4 g
10,96-12,90 €

Anche in questo prodotto non ho riposto aspettative... ed è stato invece una scoperta!
Si tratta solo per finta di un Bronzer, anche in questo caso Nevecosmetics ha avuto fantasia con i nomi... Non è niente di meno che un Illuminante.
Può anche essere che non si usasse questo termine quando è stato lanciato questo prodotto, e che quindi sia stato nominato così per un momentaneo gap di marketing...
Insomma, come Bronzer sarebbe non solo tamarrissimo, ma sarebbe proprio poco valorizzante per chicchessia, è un prodotto che viene dichiarato satinato, ma secondo me è nettamente Shimmer, è troppo luminoso per un satinato; insomma, avrebbe poco senso usato in tutta l'area da “Bronzer” che vi ho descritto sopra per Kalahari.
Però che posso dire? Per essere un Illuminante... è proprio un bellissimo Illuminante!
Ha un colore nettamente dorato, ed è lì che ha ispirato l'idea del “Bronzer”, ma è solo un'idea un po' poetica.
Insomma, però che dire, usato per quello che è, mi è piaciuto davvero tanto!
Rende davvero bene sulla mia pelle da quando comincio a prendere il primissimo colore estivo, acquisisco un pochino di “doratura” naturale, e questo prodotto dorato ci sta a meraviglia!

Ma quello che mi ha sorpreso tantissimo del prodotto, non è tanto il colore, voglio dire, è pieno ovunque di illuminanti dorati... Invece è la grana delle polveri luminescenti a colpire!
Non ho mai visto un prodotto in polvere così “fondente” con l'incarnato!
Ha una grana davvero sottilissima della polvere, e una sfumabilità che davvero non mi aspettavo, è una versione leggermente più calda (e ovviamente in polvere) dell'Illuminante Kiko che tanto amo!
Resta sicuramente più discreto, ma ha un effetto “fondente” molto simile.
Mi è piaciuto tantissimo usato in accoppiata con Kalahari, uso quest'ultimo come Bronzer vero e proprio, mentre aggiungo giusto un tocco di Bahamas come illuminante, solo nella zona più alta degli zigomi, e quando mi sento particolarmente Tamarra (😄) anche nella zona sopra la sbordatura superiore delle labbra!
Ho anche provato ad usarlo come ombretto, ed effettivamente, per quanto sia più un Illuminante, ha delle caratteristiche che si prestano... Lascia la palpebra mobile leggermente scaldata, sotto la satinatura, dando un pochino di volume alla mezzaluna anche quando la luce non è nella posizione per essere riflessa, e nello stesso tempo, l'insieme rimane naturale, dato che come polvere non è troppo coprente.

L'insieme della base fatta con i tre prodotti di cui vi ho appena parlato è all'incirca così:



Kiko – Smart Fusion Lipstick – 407 – Palissandro: 

Polybutene, Caprylic/Capric Triglyceride, Polyethylene, Microcrystalline Wax, Mica, Dicalcium Phosphate, Stearalkonium Hectorite, Propylene Carbonate, Agania Spinosa Kernel Oil, Ethyl Vanillin, Carthamus Tinctorius Seed Oil, Litchi Chinensis Fruit Extract, Pentaerythrityl Tetra-di-t-butyl Hydroxyhydrocinnamate, Calcium Aluminum Borosilicate, Tocopheryl Acetate, Tin Oxide
May Contain(+/-):
Titanium Dioxide (C.I. 77891), Iron Oxides (C.I. 77491, C.I. 77492, C.I. 77499), Red 6 Lake (C.I. 15850), Yellow 6 Lake (C.I. 15985), Yellow 5 Lake (C.I. 19140), Blue 1 Lake (C.I. 42090), Red 28 Lake (C.I. 45410)

3 g
2,79-3,99 €

Come avevo raccontato, è uno dei rossetti che ho ricevuto ad uno swap, non ne ero, come non ne sono in particolare ricerca, ormai ne ho un numero esagerato... ma fondamentalmente non si è rivelato valorizzante su nessun'altra del gruppo, si tratta infatti di un colore molto particolare, un rosa berry particolarmente neutro, forse un filino caldo e cromato, ma che riesco a portare molto bene.
Si tratta di un rossetto che sta benissimo con la Creamy Colour 304 di Kiko, che ormai è praticamente la mia matita jolly per i rossetti medio-chiari
Ha un finish davvero meraviglioso, perché è cremoso, molto lucido, e ha anche un effetto idratante.
Nonostante lo pensassi piuttosto adatto al periodo estivo, il suo essere un po' cromato stona con la prima abbronzatura, l'ho portato con soddisfazione durante la mezza stagione (in inverno ammetto che ho preferito più i rossettoni, o i miei MLBB/tranquilloni “cavalli di battaglia”, dato che non ho potuto truccarmi gli occhi per diversi mesi), ma quando ho cominciato ad abbronzarmi ho notato che non stava più così bene, l'ho quindi dirottato alla prossima stagione invernale, quando sarò di nuovo abbastanza pallida!

Nabla – Bounce Matte – Platonic Love:

Silica Octyldodecanol, Candelilla Cera, Dilinoleic Acid/Propanediol Copolymer, Sucrose Tetrastearate Triacetate, Isopropyl Myristate, Tocopherol, Parfum
May Contain(+/-):
Titanium Dioxide (C.I. 77891), Iron Oxides (C.I. 77491, C.I. 77492, C.I. 77499), C.I. 15850 (Red 6, Red 7 Lake), Red 27 Lake (C.I. 45410)

3,5 g
11,50-13,89 €

Me ne sono innamorata a prima vista!
Come vi avevo raccontato, cercavo un po' un “premio di consolazione” in quel momento, così mi ci sono buttata!
Sono rimasta sorpresa anche dal fatto che... è piaciuto a tutti quelli che l'hanno visto! Persino a mia mamma! 😮
Si tratta di un rossetto davvero super, super opaco, penso di non averne mai visto uno in stick così asciutto e con nessun minimo gioco di luci!
Ha un colore che considero meraviglioso, perché è uno dei colori che ho visto fare solo a Nabla: molto neutro, pastoso, ma allo stesso tempo di una profondità e croma “inusuali”.
Non so, vedo poco questo genere di colori, se non da Nabla, per quanto cromato, l'ho utilizzato con soddisfazione soprattutto a fine inverno-inizio primavera, quando non potevo proprio truccarmi gli occhi, è piaciuto molto per come risalta, come focus labbra, ma allo stesso tempo non mi sovrasta come farebbe un qualsiasi altro rossetto rosso medio.


La texture mi ricorda molto Studded Kiss, è forse l'unico rossetto paragonabile per l'estrema opacità e “durezza” dello stick, scorre abbastanza facilmente sulle labbra, ma asciuga in frettissima, e lascia proprio l'effetto da “rossetto liquido”, ovvero segna il confine con la mucosa labiale, resta completamente no-transfer e non è facilmente riapplicabile, finisce per stratificare risultando allo stesso tempo cemento e molto più scuro della prima applicazione.
Dato che questo rossetto rende enormemente di più con la mia carnagione al naturale, senza abbronzatura, ve lo mostro qui, in una foto che avevo già pubblicato:



Ecco i campioncini del periodo:

Bottega Verde – Fondotinta MyColor – Miele:

Aqua, Cyclopentasiloxane, Talc, Dicaprylyl Carbonate, Isononyl Isononanoate, Butylene Glycol, Silica, Polyglyceryl-4 Isostearate, Disteardimonium Hectorite, Sodium Chloride, Phenoxyethanol, Cetyl Dimethicone, Benzyl Alcohol, Sodium Dehydroacetate, Hydrogen Dimethicone, Aluminum Hydroxide, Tocopherol Acetate, Disodium EDTA, Parfum, Citrus Aurantium Dulcis Fruit Extract, Fomes Officinalis Extract, Sodium Hyaluronate, PEG-40 Hydrogenated Castor Oil
May Contain(+/-):
Mica, Titanium Dioxide (C.I. 77891), Iron Oxides (C.I. 77491, C.I. 77492, C.I. 77499), Ultramarines (C.I. 77007)

30 ml
19,99-29,99 €

Questo fondo mi ha davvero lasciato perplessa, non so come mai... ma l'ho trovato diversissimo da tutto quello che ho provato fino ad ora, come se fosse una formula “anomala”, non so se in qualche modo datata, oppure semplicemente atipica.
Sembra quasi “annacquato”!
Insomma, l'ho trovato un fondotinta poco performante, ma nemmeno io so dire esattamente perché.
Sicuramente è un fondotinta che non segna particolarmente, e ha anche una tenuta accettabile... ma sembra proprio poco consistente, non ha la consistenza di una BBCream, ma fondamentalmente uniforma poco in modo quasi “acquarellato” e copre poco le discromie con una sola passata.
Ho pensato, almeno dalla sensazione d'uso, che si tratti di un fondotinta a base acqua, proprio perché appunto, è in crema, non liquidissimo, ma appena si stende ha proprio la stesura da acquarello!
Ha almeno il vantaggio di essere stratificabile, e con l'uso di una spugnetta, anche se si consuma tanto prodotto, la resa è accettabile, copre il minimo indispensabile.
Il colore lo pensavo ben più scuro di così, o meglio, l'ho comunque dovuto schiarire nonostante l'abbronzatura (quest'anno ho preso meno colore, non arrivo a un B40 di YSL come l'anno scorso), ma non tanto quanto pensassi, vista la denominazione della tonalità: Miele.
Almeno, dato il nome, mi è parso un fondo del giusto sottotono, non esageratamente giallastro, ma sicuramente senza la tendenza al rosato, purtroppo dilagante fra i produttori di fondi (nonostante le carnagioni a base rosa siano piuttosto rare!).
Purtroppo non sono riuscita a fare foto, il campioncino è durato per due applicazioni, ma non sono venute foto accettabili, la resa del fondo comunque non è straordinaria, non lo consiglierei in modo specifico, soprattutto visto poi il prezzo, quasi da profumeria, per una performance limitata!

Spero che il post sia stato interessante!
A presto!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione, ma soprattutto il gruppo di MUA e appassionati/e che mi ha aiutato con tantissimi consigli, in particolare un ringraziamento alla bravissima e pazientissima MUA MakeUp Pleasure!

lunedì 9 settembre 2019

Haul di Agosto con gli ultimi Saldi!

Ciao a Tutti!
Rieccomi dopo una settimana molto impegnativa, in cui non sono proprio riuscita a scrivere!
Anche questo mese vi parlo degli ultimi acquisti!
La prima tappa è stata la Coop, supermercato dove sono passata subito prima di partire per le vacanze, per comprare le ultime cose.
In primis, avevo da scegliere un solare per il viso, dato che la meta è stata definita all'ultimo: montagna!

Coop:


  • Coop – Crema Solare Viso Idratazione Intensa – Protezione Alta – SPF30
  • Vivi Verde Coop – Detergente Intimo Delicato (riacquisto)

Avevo proprio necessità di un solare più specifico, e ne ho approfittato anche per ricomprare il Detergente Intimo che uso spesso fin da prima di aver aperto il blog, quello della Vivi Verde, che avevo già ricomprato nella nuova formulazione.

Durante la vacanza in montagna, ho avuto anche l'occasione di visitare Aosta, e ho avuto occasione di passare in da Sephora.

Campioncini spontanei:


  • Guerlain – Aqua Allegoria – Mandarine Basilic
  • Lancôme – Rénergie Multi-Lift Ultra – Tripla Efficacia Antietà

Non ho comprato nulla, ero entrata per vedere quali espositori avessero (in realtà l'unico acquisto che avrei fatto sarebbe stata la matita triangolo di Anastasia, che ho finito, ma chiaramente in un piccolo punto vendita non c'era), mi sono stati comunque dati due campioncini!
Non avevo acquistato nulla, anche perché in realtà sto aspettando ancora il cartoncino del regalo di compleanno di Sephora, che quest'anno non mi è arrivato, ma sono entrata a curiosare...
E niente... la commessa me li ha proposti!
Proviamoli!

L'unico vero acquisto che ho fatto durante il mese è stato durante i saldi tardivi Mulac, quindi da Pinalli.
Ho avuto occasione di ripensare ai mono... e meditando... ho voluto prendermi un altro dei colori che puntavo la prima volta.
Ho in realtà evitato il viola, perché mi sembrava palesemente ossidato il tester... ha virato talmente tanto colore che mi ha fatto dubitare della qualità del pigmento... ok che costa pochino per essere un refill... ma non volevo proprio buttare via soldi!

Pinalli:

  • Mulac – Eyeshadow – Refill – Milli
  • Scuderia Ferrari – Eau de Toilette – Black (riacquisto)

In realtà il profumo lo avevo già acquistato per il fidanzato l'anno scorso... Volevo anche recensirlo... ma è sparito! 😐
Ho il sospetto che sia stato regalato per sbaglio... così l'ho preso, dato che era pure scontato!


Campioncini:
  • Diego dalla Palma – Be Pure – Scrub Ossigenante Idratante
  • Diego dalla Palma – Hydration Passion – Crema Idratante 24h
  • Giorgio Armani – Eau de Toilette – Acqua di Giò
  • Zadig&Voltaire – Eau de Parfum – Girls Can Say Anything

Anche per oggi è tutto!
Al più presto le recensioni di tutto!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Promiseland.it, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione

giovedì 29 agosto 2019

Prodotti Cien Baby e Bübchen da Lidl, come sono gli INCI?

Ciao a Tutti!
Torno a parlarvi di alcuni prodotti Baby, in particolare, voglio parlarvi dei prodotti che potete trovare da Lidl.
Di recente è stata inserita la linea baby nell'assortimento fisso, non ho avuto tempo di parlarvene prima, ma avevo già notato che la linea baby era stata rinnovata completamente, è sempre stata una linea temporanea già molto notata nel web, soprattutto da chi usa prodotti tendenzialmente bio o comunque guarda la formula...
Ma non ho mai avuto la fortuna di beccarla negli store!
Ora che è stata rinnovata, anche se non è diventata assortimento fisso (almeno, non ovunque, da me non sempre si trova!), ed è pure meglio di prima... non posso che parlarvene!

Cien – Baby – Care Bath – Baby Bagno:

Aqua, Lauryl Glucoside, Cocamidopropyl Betaine, Sodium Citrate, Panthenol, Chamomilla Recutita Flower Extract, Sodium Levulinate, Glyceryl Oleate, Coco-Glucoside, Glycerin, Citric Acid, Glyceryl Caprylate, Parfum, Sosium Hydroxide, p-Anisic Acid, Levulinic Acid

500 ml
1,99 €

Cien – Baby – Baby Washing Gel – Gel Doccia Corpo e Capelli:

Aqua, Lauryl Glucoside, Cocamidopropyl Betaine, Sodium Cocoyl Glutamate, Panthenol, Hydrolyzed Wheat Protein, Chamomilla Recutita Flower Extract, Sodium Citrate, Glycerin, Glyceryl Oleate, Coci-Glucoside, Sodium Coco-Glucoside Tartrate, Citric Acid, Sodium Levulinate, Parfum, p-Anisic Acid, Levulinic Acid, Sodium Hydroxide

600 ml
2,49 €

Cien – Baby – Shampoo – Shampoo Delicato:

Aqua, Lauryl Glucoside, Cocamidopropyl Betaine, Panthenol, Chamomilla Recutita Flower Extract, Glycerin, Glyceryl Oleate, Coco-Glucoside, Sodium Levulinate, Sodium Cocoyl Glutamate, Parfum, Citric Acid, Levulinic Acid, Polyquaternium-10, p-Ansic Acid, Sodium Hydroxide

300 ml
1,49 €

Ho sempre avuto difficoltà a trovare tutti i prodotti di questa linea, non so perché, ma alcuni sembrano assortimento fisso, altri no... non me lo spiego!
Comunque i due detergenti sono prodotti abbastanza simili, carini nella formulazione, e anche abbastanza adatti alla prima infanzia, non sono identici, cambia qualche ingrediente, ma i tensioattivi di base sono gli stessi.
Se si esclude il condizionante a pallino rosso dello shampoo (che può comunque essere utile dal punto di vista dei primi nodi, non lo considero un difetto), sono praticamente prodotti ecobio.
Mi piace la scelta dei tensioattivi, che esclude i soliti analoghi bio dello SLES, preferendo invece un glucoside, e mi piace anche la scelta di aggiungere surgrassanti e addolcenti alla formula base.
Insomma, per il costo che hanno li trovo davvero validi!

Cien – Baby – Baby Oil:

Glycine Soja Oil, Ethylhexyl Stearate, Prunus Amygdalus Dulcis Oil, Chamomilla Recrutita Flower Extract, Tocopherol, Ascorbyl Palmitate, Parfum, Tocopheryl Acetate, Hydrogenated Palm Glycerides Citrate, Lecithin

300 ml
1,69 €

Come quasi sempre, questi oli “pronti” finiscono per non essere particolarmente convenienti, soprattutto se paragonati al costo di un analogo mix di oli alimentari.
Di solito l'unica cosa che aggiungono è la fragranza/profumazione, effettivamente scomoda da reperire per chi non spignatta.
Qui però abbiamo un olio vegetale di base (Soia), che viene almeno alleggerito un po' da un estere (Ethylhexyl Stearate), penso che questa coppia formi gran parte del prodotto, è forse l'unico fattore per cui mi sento di consigliare il prodotto (visto anche il costo accettabile).
Viene poi aggiunto Olio di Mandorle, ma non penso in quantità equivalenti, poi abbiamo l'Estratto di Camomilla, dall'azione lenitiva e gli antiossidanti.
Mi piace anche l'aggiunta di una piccolissima quantità di emulsionante, che dovrebbe rendere l'olio un pochino più lavabile, e quindi evitare che per rimuovere l'unto si debba usare un prodotto troppo sgrassante per la pelle delicata dei bambini piccoli.

Cien – Baby – Baby Nappy Cream – Crema Protettiva:

Aqua, Zinc Oxide, Talc, Lanonin, Glycine Soja Oil, Diisostearoyl Polyglyceryl-3 Dimer Dilinoleate, Ethylhexyl Stearate, Cera Alba, Hydrogenated Vegetable Oil, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Oil, Sodium Chloride, Levulinic Acid, Glyceryl Caprylate, p-Anisic Acid, Sodium Levulinate, Sodium Hydroxide, Glycerin, Chamomilla Recutita Flower Extract, Alpha Terpineol, Citric Acid

150 ml
1,99 €

Cien – Baby – Baby Cream – Crema Delicata:

Aqua, Glycerine Soja Oil, Cera Alba, Helianthus Annuus Seed Oil, Glycerin, Sorbitan Oleate, Polyglyceryl-3 Polyricinoleate, Sorbitol, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Oil, Sodium Levulinate, Magnesium Sulfate, Levulinic Acid, Tocopherol, Parfum, Hydrogenated Palm Glycerides Citrate, p-Ansic Acid, Sodium Hydroxide, Alpha Terpineol, Citric Acid

150 ml
1,79 €

Le due creme non sono equivalenti, anzi, ma hanno una forma simile, e potrebbero venir facilmente confuse.
La prima è una vera e propria Pasta all'Ossido di Zinco, non è del tutto ecobio, ma si presenta come piuttosto valida al suo scopo, dovrebbe avere anche un tocco leggermente più secco rispetto alle solite paste, grazie anche all'aggiunta di Talco.
La seconda, per quanto il formato sia simile, è invece una crema piuttosto diversa: innanzitutto sì, resta un'emulsione A/O (Acqua in Olio), ma è concentrata sull'effetto nutriente/emolliente, essendo molto meno “asciutta”, immagino sia più untuosa e meno protettiva per l'effetto sfregamento.

Già oggi ne approfitto anche per parlarvi di un'altra linea Baby, quest'altra è una linea sicuramente temporanea, non la vedo da un po', ma penso che ricomparirà prima o poi, penso che si tratti di una linea principalmente per l'assortimento tedesco, ma che sia stata in alcuni casi dirottata anche qui.
Purtroppo la linea è ben più ampia di così, ma non ho mai avuto modo di trovarla per intero!
Comincio a recensirvi quello che ho trovato nell'ultima occasione!

Bübchen – Baby Öl:

Helianthus Annuus Seed Oil, Butyrospermum Parkii Butter, Calendula Officinalis Flower Extract, Tocopherol, Parfum

400 ml
2,99 €

Anche quest'olio, come altri Baby Oil (tra cui quello precedente, per esempio), è semplice olio vegetale con qualche aggiunta di contorno e profumazione, ma che va ad alzarne abbastanza il prezzo.
In questo caso tra l'altro, non vengono fatte aggiunte interessanti, come nel caso precedente, esteri che alleggeriscono, o emulsionanti che rendono il prodotto più lavabile.
Questo in sostanza è quasi tutto Olio di Girasole (un olio di suo molto economico), a cui viene aggiunta una piccola porzione di Burro di Karité (se fosse cospicua l'olio si addenserebbe), Estratto di Calendula ad azione lenitiva (che ci sta tutto) e giusto un goccio di Tocoferolo come antiossidante.
Un olio ecobio, ma sicuramente meno ricco del precedente, della linea Cien Baby.

Bübchen – Kinder Shampoo:

Aqua, Disodium Laureth Sulfosuccinate, Laureth-3, Glycerin, PEG-120 Methyl Glucose Dioleate, Sodum C14-16 Olefin Sulfonate, Cocamidopropyl Betaine, Panthenol, Sodium Chloride, Chamomilla Recutita Flower Extract, Hydrolyzed Wheat Protein, Polysorbate-20, Phenoxyethanol, Sodium Benzoate, Parfum, Citric Acid, Tocopherol

400 ml
3,99 €

Bübchen – Wasch- & Dusch-Creme:

Aqua, Sodium Laureth Sulfate, Cocamidopropyl Betaine, Glycerin, Alcohol Denat., Disodium Laureth Sulfosuccinate, Glycol Distearate, Pantenol, Parfum, PEG-120 Methyl Glucose Dioleate, Sodium Chloride, Hydrolyzed Wheat Protein, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Oil, Coco-Glucoside, Glyceryl Oleate, Laureth-4, Isopropyl Palmitate, Sodium Citrate, Zinc Sulfate, Citric Acid, Heliotropine, Sodium Hydroxide, Polyquaternium-10, Lactic Acid, Tocopherol

230 ml
3,99 €

Se i detergenti di cui vi ho appena parlato, quelli della linea Cien Baby sono di impronta ecobio, e con una meravigliosa scelta di tensioattivi, questi sono proprio una delusione!
Utilizzano sistemi differenti, ma in ogni caso, abbiamo formule nettamente “commerciali”, insomma, niente di diverso dalle marche più famose.
Insomma, questi sono prodotti che non consiglio, rischiano di essere troppo aggressivi per le pelli delicate, nonostante i surgrassanti e gli addolcenti usati. 

Bübchen – Pflege Lotion:

Aqua, Isopropyl Palmitate, Ethylhexyl Stearate, Butylene Glycol, C12-15 Alkyl Benzoate, Polyglyceryl-3 Polyricinoleate, Helianthus Annuus Seed Oil, Octyldodecanol, Glycerin, Polyglyceryl-3 Diisostearate, Panthenol, Butyrospermum Parkii Butter, Glyceryl Oleate, Heliotropine, Zinc Sulfate, Tocopherol, Parfum

400 ml
3,49 €

Se l'olio l'ho trovato caro, mentre i detergenti proprio non mi sono piaciuti, almeno questa Lozione non si presenta proprio per nulla male!
Non è un prodotto ecobio, certamente, ma la formula in sé è carina.
Abbiamo un mix di emollienti in gran parte sintetici, ma con anche qualche grasso vegetale, e mi piace che abbiano voluto formulare una crema A/O, dall'effetto nettamente emolliente.
Questo si può proprio dire che sia il prodotto della linea che mi è piaciuto di più, forse l'unico che consiglio caldamente.

Anche per oggi ho finito!
A presto!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Promiseland.it, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione

lunedì 26 agosto 2019

Nuove Recensioni di Beauty e Make Up Tool!

Ciao a Tutti!
Torno anche oggi a parlare di qualche accessorio beauty che ho avuto modo di usare nell'ultimo periodo.
Comincio col parlare dei dischetti di cotone del periodo, quelli che avevo preso da Iper.

Iper – Dischetti in Puro Cotone:


70 pz
1 € circa

Si tratta di dischetti che effettivamente ho pagato molto poco, ma hanno decisamente un buon rapporto qualità/prezzo.
Fra i diversi dischetti di cotone a marchio supermercato, ammetto che questi mi sono piaciuti particolarmente.
A differenza di altri dischetti con doppio lato, questi sono praticamente zigrinati da entrambi i lati, ma con una trama molto fine da un lato, ed estremamente fine dall'altro (poco visibile in foto, purtroppo).
Mi piace molto anche il grado di compressione di questi dischetti, che permette di utilizzare i dischetti sia per la rimozione del trucco, con i più svariati prodotti, sia per applicare il Tonico o un'Essenza molto liquida; anche se è una cosa che ormai non faccio quasi più, magari può essere interessante per voi.
Rispetto a molti altri dischetti, sia di brand, che di marca da supermercato/discount, è una compressione intermedia, non sono dischetti del tutto non compressi, e quindi quasi effetto cotone idrofilo, ma non sono nemmeno così compressi da risultare poco assorbenti.
Li ho trovati molto morbidi a contatto con la pelle del viso, ma anche con il contorno occhi e pure a contatto con le rime oculari, l'area più critica, nel mio caso soprattutto nell'ultimo anno, da quando ho avuto qualche problemino agli occhi.
Insomma, se non fosse che non ho un Iper o Ipercoop abbastanza vicino a casa... li prenderei sicuramente con regolarità!
Hanno un ottimo rapporto qualità/prezzo, e non posso che stra consigliarveli!

Nabla – Palette da 6:


3,90-6,90 €

Mi è stata regalata a Natale questa mini-palette, come vi avevo mostrato, effettivamente è stata proprio un pensiero carino, e anche utile!
Le palette MUFE che uso per trasportare
i refill, soprattutto per i viaggi, ormai sono sempre “occupate”!
Se da un lato mi servono sempre palette grandine (es. la MAC o la ZPalette), sono comunque utili anche queste piccine, specialmente per i viaggi!
In particolare, questa può contenere 6 ombretti Nabla (dimensione intermedia), ed effettivamente mi viene proprio comoda per trasportare in blocco tutti i Nabla che ho (Narciso e Antique White dei “vecchi”, White Truffle, Capsize, Chiaroscuro e Kids dei nuovi, precisi loro sei!) Ma posso tranquillamente inserire diverse combinazioni fra Nabla, Nevecosmetics, PuroBio, Wycon, Mulac, Inglot ecc... insomma, dipende da forme e dimensioni di tutte, ma sono tutte compatibili.
Solo le MAC non attaccano a sufficienza (dato che utilizzano un sistema completamente diverso), ma se non si fanno viaggi rischiosi (palette sempre orizzontale, niente aereo, piccoli spostamenti ecc...) si può provare ad incastrarla fra altri refill, se non c'è sufficiente movimento dovrebbe essere sicura.
Il materiale a me sembra identico a quello utilizzato per le ZPalette, stesso tipo di cartone, ovviamente con un design e un finish diverso (ma già le ZPalette hanno tantissimi colori e versioni!) e stesso tipo di foglio magnetico alla base.
Si attaccano, come per tutte le altre varianti, tutte le classiche cialde magnetiche, ve ne ho elencate diverse, ma probabilmente ne esistono altre!
Insomma sembra proprio equivalente alle ZPalette, sia per compatibilità che per struttura.

Maybelline – Specchio da Borsetta:


omaggio

Come avevo scritto un po' di tempo fa, mi è stato allegato questo specchio da borsetta con il correttore Antiage di Maybelline durante una promo.
Ormai sono praticamente piena di specchietti da borsetta, ma questo mi è piaciuto in primis per due fattori:

  1. è estremamente sottile, si riesce ad infilare ovunque, e occupa pochissimo spazio
  2. è estremamente solido nella struttura, non ha bisogno di essere “protetto”, è una plastica sottile, ma che mi ispira solidità per lo spessore che ha

Insomma, è perfetto soprattutto per i viaggi, quando magari si passa un sacco di tempo in giro, si sbatte la borsa ovunque ecc...
E se anche si perde... è comunque un piccolo omaggio!
Insomma è un gadget anche carino dopo tutto, ovviamente mai e poi mai lo acquisterei apposta!
Infatti nonostante i vantaggi... si nota che nasce come gadget!
Lo specchio poteva essere benissimo inserito su entrambi i lati della struttura in plastica, ed è effettivamente uno specchietto minuscolo, non adatto a chi con regolarità ha bisogno di uno specchio affidabile per i ritocchi.
Va benissimo come specchietto di scorta e da viaggio ecco, nulla di più!

Primark – PS... 3 Make Up Cleansing Cloth:


3 pz
4,00 €

Come ho già scritto in precedenza, si tratta di un riacquisto, mi ero trovata così bene con i pannetti in microfibra la prima volta... che ho voluto fare un po' più di rifornimento, più che altro per dover fare un po' meno di corsa i lavaggi, e magari portarne una da lasciare nella seconda casa.
Questi sono assolutamente identici ai primi che ho acquistato, l'unico cambiamento è stato l'assortimento di colori nella confezione da tre, le prime confezioni erano con due pannetti bianchi e uno rosa, questa con un pannetto bianco, uno rosa, e uno grigio chiaro.
La sostanza però non cambia, restano i primi panni in microfibra ad uso cosmetico con un prezzo accettabile.
La trama del tessuto rimane la stessa: molto morbida, come un peluche!
Sia durante l'uso da asciutto, sia da bagnato!
Ho continuato ad usare questi panni con una certa regolarità, mischiati a quelli vecchi (l'unico nettamente riconoscibile è ovviamente il pannetto grigio!), e non ho notato differenze.
Confermo però la difficoltà nel farli tornare perfettamente puliti, non ho assolutamente tempo di lavarli a mano ogni volta dopo l'uso, già ho da lavare pennelli e spugnette... anche il pannetto no!
Per lui esiste la lavatrice! 😃
Ogni tanto faccio un lavaggio a mano (non d'inverno), e tornano quasi completamente puliti col sapone di marsiglia (saponetta da bucato), ma non ho sempre voglia di farlo.
Sicuramente da quando uso l'Eyeliner in Gel de L'Oreal ho meno difficoltà a rimuovere le tracce nere che lasciava l'Eyeliner in Gel di Kiko!

Anche per oggi è tutto!
Alla prossima!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Promiseland.it, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione

lunedì 19 agosto 2019

Recensioni di prodotti di Skincare/Haircare di Luglio

Ciao a Tutti,
Torno oggi con le recensioni dell'ultimo mese, in particolare con qualche prodotto che ho utilizzato durante i primi we fuori porta e per la prima metà delle vacanze!
In questo senso mi sono sbizzarrita nell'utilizzare un po' di minisize che gibilavano da un po'!

Bottega Verde – Pesca Nettarina – Bagnodoccia:

Aqua, Sodium Laureth Sulfate, Glycerin, Cocamidopropyl Betaine, Sodium Olivoyl Glutamate, Parfum, Sodium Chloride, Prunus Persica Juice, Phenoxyethanol, Sodium Benzoate, Citric Acid, Polyquaternium-7, Disodium EDTA, Benzyl Salicylate, Linalool, Benzyl Alcohol, Potassium Sorbate, Propylene Glycol, C.I. 19140, C.I. 15985, C.I. 16255, C.I. 14700, C.I. 42090

50 ml
Incluso in Kit di Benvenuto

Questo è il primo detergente in formato da viaggio che avevo da finire!
L'ho tenuto a lungo nell'armadietto proprio per la comodità del formato, non è una mini size comoda da portare in piscina/palestra (o meglio, lo è più di una full size, ma piuttosto che farmi i viaggi con 80 campioncini, mi sono tenuta questo per il viaggio!).
Ho avuto l'occasione di usarlo praticamente durante tutta la prima metà delle vacanze, dato che non sono stata sempre nel solito posto, dove ho tutte le mie cose.
L'ho trovato sicuramente un detergente abbastanza lavante, che non userei con cadenza giornaliera, soprattutto al mare, con la pelle a rischio secchezza.
Si tratta di un prodotto che userei nella normalità alternato ad altri più delicati.
Sicuramente è un prodotto estremamente curato dal punto di vista della fragranza, come quasi sempre capita con Bottega Verde.
Trovo che sia fin troppo “chimico”, ma è innegabile che la fragranza alla Pesca sia super coccolosa e piacevole, soprattutto in perfetto clima estivo!

Natura Verde Bio – Eco-Frendly Organic Toothpaste Gel:

Sorbitol, Aqua, Hydrated Silica, Aroma, Xanthan Gum, Sodium Methyl Cocoyl Taurate, Sodium Chloride, Ascorbic Acid, Retinyl Palmitate, Helianthus Annuus Seed Oil, Tocopherol, Hesperidin, Cetraria Islandica Extract, Echinacea Angustifolia Leaf Extract, Glycerin

75 ml
1,75 €

Ho voluto provare questo dentifricio quando l'ho trovato in offerta, in un'occasione specifica, effettivamente avevo quasi finito le scorte precedenti, così l'ho voluto provare.
L'INCI effettivamente era davvero perfetto sulla carta, e il prezzo abbordabile.
Devo comunque specificare che un tempo apprezzavo molto i dentifrici in Gel, ultimamente invece tendo a preferire quelli in pasta, ma ho comunque una preferenza minima, quindi gli ho voluto dare un'occasione.
Il dentifricio effettivamente è valido, e considero sia un'ottima alternativa per chi ama i dentifrici dal sapore mentolato piuttosto forte, non è un dentifricio delicato, come tendo a preferirli io.
Ma a parte questo, che è estremamente soggettivo, quello che mi ha un po' deluso è in parte l'aspetto, non trovo che abbia un colore invitante, è un gel di un verde pisello un po' smortino (d'accordo, è naturale, quindi lo perdoniamo), unito al fatto che il gel sia proprio fluido e poco compatto... insomma, non finisce di piacermi.
La schiuma è piacevole, e nel complesso devo dire che non mi dispiace per la sua funzionalità... diciamo che però si appoggia un filo troppo sull'apparenza “naturale”, può non essere un problema per molti, ma soprattutto per chi si sta in qualche modo approcciando all'ecobio... può essere un deterrente a continuare ecco!
Non lo consiglierei come prima prova di “un dentifricio ecobio”, potrebbe far desistere da ulteriori tentativi!

Balea – Feuchtigkeit Spülung – Trockenes & Strapazierztes Haar – Mango – Balsamo Idratante al Profumo di Mango:

Aqua, Cetearyl Alcohol, Glycerin, Panthenol, Niacinamide, Isopropyl Alcohol, Pentaerythrityl Tetra-di-t-butyl Hydroxyhydrocinnamate, Parfum, Dicaprylyl Ether, Isopropyl Palmitate, Behentrimonium Chloride, Distearoylethyl Hydroxyethylmonium Methosulfate, Cetrimonium Chloride, Sodium Benzoate, Citric Acid

300 ml
0,89 €

Ho avuto talmente una buona sensazione leggendo gli INCI dei balsami Balea... che dopo aver provato il primo l'anno scorso, che ho trovato fantastico, a questo giro ne ho portati a casa ben tre diversi!
Ed effettivamente mi sono praticamente riempita la casa 😅
Questo è stato il primo che ho iniziato ad usare, ha un formato più grande, ma trovo che come formula non sia molto diverso dagli altri.
Come condizionante base ha l'Esterquat, ma viene aiutato da due condizionanti efficaci, ma a pallino rosso: Behentrimonium Chloride e Cetrimonium Chloride.
Insomma, senza contare l'avvolgente profumo esotico di Mango, l'ho amato dal primo utilizzo!
L'ho trovato abbastanza cremoso, ma nello stesso tempo super nutriente/districante, e ulteriore chicca: l'ho trovato valido sia come Balsamo Classico, sia come Balsamo per il Cowash!
Insomma, non è la meraviglia totale come il Balsamo Ekos di cui vi ho appena parlato, devo ammetterlo, ma considerando anche il prezzo nettamente più basso... è comunque meraviglioso!
Inoltre va considerato che l'Ekos non l'ho trovato proprio perfetto per il Cowash, è leggermente troppo nutriente, finisce per detergere troppo poco, anche quando i capelli sono fondamentalmente già puliti (es. se faccio l'allenamento e mi lavo solo per togliere il sudore).

Balea – Beauty Effect – Augen Gel-Pads:

Aqua, Glycerin, Carrageenan, Panthenol, Sucrose, Amorphophallus Konjac Root Powder, Sodium Levulinate, Phenoxyethanol, Sodium Anisate, Lactic Acid, Dehydroacetic Acid, Benzoic Acid, Sorbic Acid, Sodium Hydroxide, Chlorella Vulgaris/Lupinus Albus Protein Ferment, Pyrus Malus Fruit Extract, Citric Acid, Sodium Hyaluronate, Pectin

3x2 pz
3,49 €

Nonostante il costo leggermente alto, finalmente ho trovato dei patch contorno occhi validi ad un prezzo “umano”!
Sono stata proprio traumatizzata da quelli della linea Q10! 😱
Questi per fortuna non sono per nulla rigidi, sono fatti di Hydrogel, e per quanto preferisca quelli “tipo maschera viso in tessuto”, insomma come quelli di Sephora, per qualità/prezzo direi che questi sono una valida alternativa.
Anche i patch Mon Golden che avevo già trovato da dm sono sicuramente validi... ma una coppia di patch costa 2,99 €, almeno con questi ci faccio 3 applicazioni (senza contare l'esagerazione di packaging che finisce nei rifiuti, qui sono 3 bustine piccole, con la metà o forse 1/3 della plastica!)!
Questi mi sono piaciuti sia per tanti motivi: non si seccano minimamente durante l'applicazione, anzi, l'Hydrogel si “secca” solamente dopo diversi giorni all'aria (ho voluto fare un esperimento col primo paio dopo l'uso), rimangono dove vengono messi (a meno che non abbiate qualcosa sotto che lascia la pelle scivolosa, come lo Ialuronato appena applicato), e addirittura.... sono comodi perché stanno tranquillamente fermi pure sotto gli occhiali 😄
L'effetto trovo che non sia proprio paragonabile alle classiche mezzelune in tessuto, tipo quelle di Sephora, ma anche i “cetrioli” di Primark... però è innegabile la loro praticità!
Sono anche particolarmente comodi per quando applico sul viso maschere cremose/in gel che non vanno messe sul contorno occhi, ho modo di fare qualcosa anche per quell'area del viso, la proteggo, e nello stesso tempo posso indossare gli occhiali per poter fare qualsiasi cosa in casa 😄

Bottega Verde – Sol Tropical – Latte Doposole Idrata e Rinfresca:

Aqua, Prunus Amygdalus Dulcis Oil, Ethylhexyl Cocoate, Glycerin, Cetearyl Isononanoate, Simmondsia Chinensis Seed Oil, Parfum, Dimethicone, Hydroxyacetophenone, Cocos Nucifera Oil, Citrus Aurantifolia Fruit Extract, Cocos Nucifera Fruit Extract, Hydroxyethyl Acrylate/Sodium Acryloydimethyl Taurate Copolymer, Phenoxyethanol, Acrylates/C10-30 Alkyl Acrylate Crosspolymer, Caprylyl Glycol, 1,2 Hexanediol, Xanthan Gum, Bisabolol, PEG-7 Trimethylolpropane Coconut Ether, Disodium EDTA, Limonene, Lecithin, Coumarin, Polyisobutene, Citral, Sodium Hydroxide, PEG-60 Hydrogenated Castor Oil, Citric Acid, Tocopherol, Ascorbyl Palmitate, Phenethyl Alcohol, Sodium Benzoate, Potassium Sorbate, Rosmarinus Officinalis Leaf Extract, Helianthus Annuus Seed Oil

200 ml
8,99-17,99 €

Nonostante si tratti di un prodotto molto differente dal mio, non ho trovato male questo doposole.
La formula è piuttosto commerciale, non è una vera e propria crema, ma cavalca l'ultima moda formulativa, è tenuta insieme da un'emulsiogellante.
Infatti non ha una vera e propria emulsione, né a caldo, né a freddo, e come contenuti non è certo un elisir per il doposole.
Abbiamo un discreto effetto nutriente/idratante, ma soltanto un po' di Bisabololo e qualche antiossidante per gli oli.
Insomma, è poco più che una crema idratante normale, con giusto un po' effetto rinfrescante.
Ha effettivamente un tocco leggero, è molto piacevole da spalmare, e ha un gradevole profumo esotico, anche se non identifico così precisamente Cocco e Lime, ma resta un prodotto un po' povero dal punto di vista della formula.
Non lo utilizzerei per le zone della pelle molto provate dal sole, quanto più per le zone meno provate, dove al massimo si percepisce una maggiore secchezza rispetto alla normalità, ma non si vuole optare per un prodotto che unga.
In questo effettivamente ha una buona resa, non appiccica, lascia la pelle liscia, vellutata, ma senza farsi sentire.
Ha solo il difetto di essere proprio povero di lenitivi importanti e soprattutto di antiossidanti, cosa fondamentale dopo aver esposto la pelle al sole.
Insieme a questo, che dire? Non lo consiglierei semplicemente per il prezzo! Una buona crema idratante si trova anche ad 1/4 del prezzo di listino, anche scontata al 50% resta una crema corpo cara, e come doposole non è davvero all'altezza purtroppo.

Ed ecco i campioncini del periodo:

Bottega Verde – Piedi – Crema Idratante:

Aqua, Behenyl Alcohol, Simmondsia Chinensis Seed Oil, Ethylhexyl Palmitate, Coco-Caprylate, Butyrospermum Parkii Butter, Glycerin, Behentrimonium Chloride, Soybean Glycerides, Mel, Prunus Amygdalus Dulcis Oil, Cetrimonium Chloride, Decyltetradecanol, Parfum, Butyrospermum Parkii Butter Unsaponifiables, Cetearyl Alcohol, Stearic Acid, Oleyl Erucate, Cetyl Alcohol, Phenoxyethanol, Benzyl Alcohol, Hydroxypropyl Guar Hydroxypropyltrimonium Chloride, Sodium Hydroxymethylglycinate, Potassium Sorbate, Mentha Piperita Oil, Citric Acid, Tocopherol, Lecithin, Limonene, Ascorbyl Palmitate

100 ml
6,99-15,99 €

Questa crema è uno dei prodotti più famosi di Bottega Verde da quanto ho visto, effettivamente me lo ricordo nella linea da molti anni, anche se sicuramente avrà cambiato diverse volte formula... ma lo usava addirittura mia mamma!
Ho tenuto il campioncino per le vacanze, dato che a casa ho la mia crema piedi spignattata, ed effettivamente ho fatto bene, ho dovuto fare una pedicure di “metà vacanza”, e avere un campioncino è stato utilissimo!
Ho utilizzato tutta la bustina su entrambi i piedi, sia pianta, che dorso, di negativo, nonostante sia stata a spalmare per minuti interi... la crema continuava a fare la scia bianca... di positivo... la crema effettivamente è super idratante come dichiarato!
Nel giro di una notte ho avuto i piedi decisamente più morbidi e setosi!
Non è risolutiva come una crema all'Urea, ma è comunque un buon trattamento intermedio, l'unico neo, come spesso accade con BV, è il prezzo... Lo trovo davvero troppo alto, ancora ancora a prezzo scontato... ma a prezzo pieno è impensabile!

L'Erbolario – Fior di Salina – Bagnoschiuma:

Aqua, Cocamidopropyl Betaine, Arbutus Unedo Leaf Water, Lauryl Glucoside, Sodium Cocoyl Glutamate, Sodium Cocoyl Barley Amino Acids, Sodium Chloride, Parfum, Coco-Glucoside, Disodium Cocoyl Glutamate, Maris Sal, Pistacia Lentiscus Leaf Extract, Salicornia Herbacea Extract, Malva Sylvestris Flower/Leaf/Stem Extract, Polygonum Fagopyrum Flour, Glycerin, Glyceryl Oleate, Citric Acid, Sodium Citrate, Citral, Geraniol, Linalool, Sodium Benzoate

250 ml
9,90 €

Che dire, anche con questo detergente non sono stata certo delusa!
Come quasi sempre, ho trovato i detergenti L'Erbolario meravigliosi: delicati, setosi, schiumosi il giusto.
Anche quando non ho apprezzato la fragranza, non ho potuto fare a meno di trovare ottimo il grado di detersione.
Ecco, questo non è certo da meno, detergente piacevolissimo come sempre, e con una fragranza molto particolare, essenzialmente dalle note marine, come è ovvio aspettarsi!
L'ho trovato un prodotto del tutto Unisex, la fragranza ha una punta dolciastra, ma assolutamente non troppo “femminilizzante” dal mio punto di vista.
La fragranza, nel bagnoschiuma ha solo la pecca di non essere molto persistente, ma l'ho comunque trovata molto, molto adatta ad un prodotto estivo, quindi in conclusione, mi è piaciuto parecchio come prodotto!

Kiehl's – Ultra Light Daily UV Defense SPF 50:

Aqua, Ethylhexyl Methoxycinnamate, Dimethicone, Glycerin, Drometrizole Trisiloxane, Terephthalylidene Dicamphor Sulfonic Acid, Propylene Glycol, Titanium Dioxide, Alcohol Denat., Triethanolamine, Stearic Acid, Potassium Cetyl Phosphate, Nylon-12, Palmitic Acid, PEG-100 Stearate, Glyceryl Stearate, Phenoxyethanol, Cetyl Alcohol, Cellulose, Bis-Ethylhexyloxyphenol Methoxyphenyl Triazine, Diethylamino Hydroxybenzoyl Hexyl Benzoate, Citric Acid, Aluminum Hydroxide, Caprylyl Glycol, Sodium Cocoyl Sarcosinate, Carbomer, Tocopherol, Tromethamine, Scutellaria Baicalensis Root Extract, Acrylamide/Sodium Acryloyldimethyl Taurate Copolymer, Isohexadecane, Xanthan Gum, Myristic Acid, Disodium EDTA, Adenosine, Polysorbate-80, Arginine, Mannitol, Disodium Adenosine Triphosphate, RNA, Pyridoxine Hcl, Sorbitan Oleate, Sorbitol, Pentylene Glycol, BHT, Histidine Hcl, Zea Mays Kernel Extract, Sodium Chloride, Yeast Extract, Phenylalanine, Mentha Piperita Extract, Rosa Gallica Flower Extract, Tyrosine, Sorbic Acid

60 ml
31,10-43,00 €

Questo è il primo campioncino, ma anche prodotto, di Kiehl's che ho avuto occasione di provare.
Effettivamente l'ho trovato davvero carino!
La stesura della crema è proprio perfetta sulla pelle del viso, si stende senza fatica, senza tirare, e non si ha nemmeno la sensazione del prodotto sulla pelle, per essere un solare a così alto SPF.
Purtroppo ho il sospetto che la tenuta non sia quella a cui sono abituata, diciamo che è un solare valido, per quanto ne so anche ben formulato (vedo diversi ingredienti ad azione antiossidante, lenitiva e umettante), ma ho il sospetto che non sia Water Resistant.
L'ho utilizzato durante una delle prime esposizioni al sole, ma l'ho utilizzato, essendo un primo test, nei primi due giorni di vacanza, in cui mi sono esposta al sole solo di mattina.
Effettivamente non testo mai i solari viso per giornate già piene, anche se ho modo di riapplicarli spesso.
Che dire, il prodotto forse non è economico, anzi, non lo è per nulla, ma ad esempio lo considererei per l'uso in città, la formula mi ha proprio dato l'impressione di essere “una normale crema viso”, cosa non da tutti i solari!
Mentre non so se rischierei di acquistarlo per il mare, ho la netta impressione che non sia abbastanza resistente all'acqua, dovrebbe essere riapplicato troppo di frequente.

L'Erbolario – Contorno Occhi con Centella Asiatica, Proteine Vegetali e Ginseng:

Aqua, Glycerin, Acrylates/C10-30 Alkyl Acrylate Crosspolymer, Centella Asiatica Leaf Extract, Panax Ginseng Root Extract, Hydrolyzed Wheat Protein, Hydrolyzed Vegetable Protein, PPG-26-Buteth-26, PEG-40 Hydrogenated Castor Oil, Parfum, Benzyl Benzoate, Benzyl Salicylate, Butylphenyl Methylpropional, Cinnamyl Alcohol, Citronellol, Hexyl Cinnamal, Linalool, Aminomethyl Propanol, Benzyl Alcohol, Dehydroacetic Acid, Potassium Sorbate, Sodium Benzoate

15 ml
15,90 €

Sono rimasta un attimo interdetta quando ho provato il prodotto, nonostante avessi letto la formula, non mi ero proprio resa conto che fosse un vero e proprio gel, e non una crema-gel, non me l'aspettavo proprio!
Insomma, trovo che sia piuttosto “inutile” come prodotto, non apporta quasi nulla al contorno occhi, quindi a meno di essere giovanissime o avere una pelle super-grassa nella zona delle palpebre... lo eviterei!
Un gel ha senso solamente se usato sotto ad un contorno occhi, e per quanto si possa necessitare di un prodotto estremamente leggero... un gel senza nessunissima quota grassa... a mio parere non apporta abbastanza... tanto vale non usare nulla.
Ha anche la particolarità di essere un gel bello denso e quasi completamente trasparente!
Inoltre crea delle strane reazioni se usato prima del trucco... non asciuga mai del tutto, anche se sembra, e gli ombretti si spandono a fatica!
L'ho iniziato, ma poi ceduto quasi subito al fidanzato, dopo 3-4 prove, lui non ha notato particolari benefici, ma nemmeno particolari difetti, insomma, gli è andato bene!
Il campioncino è durato tutta la prima settimana di vacanza, usato inizialmente da me, in seguito da lui, mattina e sera.

Origins – Ginzing – Energy-Boosting Gel Moisturizer:

Aqua, Methyl Trimethicone, Butylene Glycol, Glycerin, Jojoba Esters, Panthenol, Dicaprylyl Carbonate, Citrus Limon Peel Oil, Citrus Grandis Peel Oil, Mentha Viridis Leaf Oil, Citrus Aurantium Dulcis Peel Oil, Limonene, Linalool, Citral, Butyrospermum Parkii Butter, Simmondsia Chinensis Butter, Castanea Sativa Seed Extract, Rubus Idaeus Leaf Wax, Dimethicone, Hordeum Vulgare Extract, Threalose, Triticum Vulgare Germ Extract, Panax Ginseng Root Extract, Ammonium Acryloyldimethyl Taurate/VP Copolymer, Salicylic Acid, Rosmarinus Officinalis Leaf Oil, Phospholipids, Tocopheryl Acetate, Sodium PCA, Arginine, Caffeine, Linoleic Acid, Biotin, Folic Acid, Tetrahexyldecyl Ascorbate, Polysilicone-11, Carbomer, Pantethine, Squalane, Sodium Hyaluronate, Hexylene Glycol, Lecithin, Calcium Carbonate, Caprylyl Glycol, Ethylhexylglycerin, Tromethamine, Phenoxyethanol

30 ml
16,00 €
50 ml
20,50-24,50 €

Nonostante venga definito dal produttore un Gel, si tratta piuttosto una Crema-gel, un prodotto che insomma potrebbe sia essere un siero corposo, nel caso si abbia la necessità di una maggiore stratificazione di prodotti, come per le pelli secche, che una vera e propria crema viso molto leggera, per pelli piuttosto grasse o che comunque necessitano di pochi strati.
Non è un prodotto ecobio, assolutamente no, ma l'ho apprezzato comunque molto, innanzitutto non ha tantissimi pallini rossi “problematici”, ma l'ho trovato molto ben studiato per la texture.
Come prodotto è piacevolissimo da spalmare, non lascia un eccessivo effetto “siliconico” ed ha anche un profumo meraviglioso!
Agrumato, speziato, mentolato, insomma, un insieme super estivo, ed effettivamente azzeccato nella definizione del prodotto, ammetto che la fragranza trasmette proprio l'effetto “energizzante”!
Poi a livello cosmetico non saprei... ha molti ingredienti vegetali, diversi umettanti/filmanti e qualche buona aggiunta antiage!
Insomma, un po' caro per quello che è, ma almeno soddisfa!

Bottega Verde – Goji Perfect – Pelli Miste e Grasse – Notte – Trattamento Intensivo Anti-Rughe:

Aqua, Cetearyl Alcohol, Hydrogenated Ethylhexyl Olivate, Glycerin, Coco-Caprylate, Simmondsia Chinensis Seed Oil, Olivoyl Hydrolyzed Wheat Protein, Cyclopentasiloxane, Ethylhexyl Stearate, Glyceryl Stearate, Glyceryl Oleate, Soybean Glycerides, Canola Oil, Stearic Acid, Tocopheryl Acetate, Argania Spinosa Kernel Oil, Dimethicone, Butyrospermum Parkii Butter Unsaponifiables, Jojoba Esters, Hydrogenated Olive Oil Unsaponifiables, Phenoxyethanol, Parfum, Helianthus Annuus Seed Wax, Lycium Barbarum Fruit Extract, Ceramide 3, Ceramide 6-II, Cholesterol, Phytosphingosine, Ceramide 1, Retinyl Palmitate, Sodium Polyacrylate, Cyclohexasiloxane, Potassium Hydroxide, Cera Alba, Dimethicone/Vinyl Dimethicone Crosspolymer, Sodium Lauroyl Lactylate, Disodium EDTA, Sodium Hyaluronate, Sodium Benzoate, Potassium Sorbate, Polymethyl Methacrylate, Acacia Decurrens Flower Wax, Polyglycerin-3, Tricaprylin, Tropolone, Linalool, Citric Acid, Ethylhexylglycerin, Xanthan Gum, Carbomer, BHT

50 ml
19,99-39,99 €

Incredibilmente, mi ha davvero sorpreso come crema viso, mi sembra piuttosto valida!
Viene consigliata dal produttore per le pelli mature, dai 50 in su, ma visto che non si può “curare” l'invecchiamento cutaneo, ma solo prevenire... non è certo sbagliato usarla prima, sempre che si adatti al grado di nutrimento che necessita la pelle.
Non solo ha un INCI effettivamente piuttosto ricco come crema, ma anche all'uso mi è piaciuta molto.
È bianca e piuttosto corposa, non si stende in modo estremamente setoso e fondente, ma ha comunque un suo perché.
Apporta idratazione e nutrimento senza appesantire e ungere la pelle (l'ho usata d'estate, quindi come test è piuttosto indicativo in questo senso), e devo dire che l'ho trovata proprio perfetta come “doposole” nei primi giorni di vacanza.
Non avendo protezione solare l'ho usata solamente per la notte, e non perché ci sia scritto così, in inverno probabilmente l'avrei usata tranquillamente di giorno, per il suo grado di nutrimento, e mi è proprio piaciuta!
In sconto ha anche un prezzo onesto, per cui la consiglio, assolutamente eccessivo il prezzo di listino, vale la pena aspettare il periodo degli sconti/saldi!

Anche per oggi ho finito con i prodotti!
A presto!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Promiseland.it, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione