giovedì 10 agosto 2017

Olio di Iperico - direttamente dalla Sicilia!

Ciao a Tutti!
Oggi vi parlo nuovamente di un argomento già affrontato:

L'Olio di Iperico!


È nuovamente estate, ed è tornato quel magico momento dell'anno in cui si possono raccogliere i fiori di Iperico, per realizzare quello che in Sicilia viene comunemente chiamato “Olio Rosso”.
Vi avevo già parlato dell'Iperico, delle sue proprietà, di come si può andare a realizzare l'Oleolito di Iperico e di come usarlo...
Come vi avevo già accennato, si tratta di una tradizione popolare molto radicata in alcune zone, e in particolare, ho visto quanto sia un rimedio largamente usato in Sicilia quando ho avuto l'occasione di essere ospitata nelle campagne di un piccolo centro, per le vacanze.
Lì (ma non solo) la realizzazione dell'”Olio Rosso” ha anche un riscontro economico non da poco, infatti, in Sicilia, come qui nella mia zona, difficilmente chi sa dove andare a raccogliere l'Iperico lo dice in giro!
La stessa zia del mio ragazzo, che ci ha ospitati, ha cercato di procurarmi la pianta andando di persona con chi sa che realizza questo prodotto...
Ma la persona stessa, pur avendo un rapporto amichevole, ha portato direttamente la pianta a sorpresa!
Insomma... nessuno rivela dove andare a cercare l'Iperico, un po' come chi raccoglie funghi non rivela dove trovare i migliori Porcini...

Soprattutto in alcune zone della Sicilia, la produzione di questo olio è molto redditizia, c'è chi lo prepara ogni anno e lo rivende ai locali, senza rivelare dove va a prendere la pianta (e se nell'Hinterland Milanese cercare è relativamente semplice... quando ci sono distese di campi per km e km, come nell'entroterra siciliano... è tutta un'altra questione!)!
La produzione poi viene fatta in casa, e l'olio viene venduto o scambiato con altri prodotti locali, quali frutta, verdura ecc... seguendo una modalità “contadina” che sicuramente da noi in Lombardia è andata persa (almeno nella zona di pianura, dove ormai è quasi tutta area urbanizzata).

Questi sono i fiori raccolti, e questo è l'olio prodotto (non tutto mio ovviamente):



Anche per oggi è tutto!
Alla prossima!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Promiseland.it, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione, oltre che chi mi ha procurato la pianta!

lunedì 7 agosto 2017

Lavera Linee Capelli e Uomo, come sono gli INCI?

Ciao a Tutti!
Torno a parlarvi di INCI, e specificatamente di alcuni prodotti che avevo in coda da parecchio, ovvero di alcune linee della Lavera.
Avevo cominciato a parlarvi della linea Basis Sensitiv, sia viso, che corpo, la linea più diffusa e conosciuta, ora comincio però a parlarvi della linea di Haircare.

Lavera – Hair – Shampoo Antiforfora al Fiordaliso:

Aqua, Sodium Coco-Sulfate, Lauryl Glucoside, Betaine, Maris Sal, Alcohol, Centaurea Cyanus Extract, Citrus Medica Limonum Fruit Extract, Triticum Vulgare Germ Extract, Oryza Sativa Extract, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Extract, Avena Sativa Straw Extract, Glycine Soja Germ Extract, Melia Azadirachta Leaf Extract, Hamamelis Virginiana Water, Salvia Officinalis Leaf Water, Rosmarinus Officinalis Leaf Water, Sapindus Trifoliatus Fruit Extract, Lactobacillus Ferment, Sodium Cocoyl Glutamate, Disodium Cocoyl Glutamate, PCA Glyceryl Oleate, Sodium Phytate, Parfum, Limonene, Linalool, Citral, Geraniol, Citronellol

200 ml
4,99-5,99 €

Lavera – Hair – Shampoo Color Lucentezza:

Aqua, Sodium Coco-Sulfate, Lauryl Glucoside, Betaine, Maris Sal, Mangifera Indica Fruit Extract, Persea Gratissima Fruit Extract, Triticum Vulgare Germ Extract, Oryza Sativa Extract, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Extract, Avena Sativa Straw Extract, Glycine Soja Germ Extract, Disodium Cocoyl Glutamate, Sodium Cocoyl Glutamate, PCA Glyceryl Oleate, Sodium Hyaluronate, Hydrolyzed Corn Protein, Hydrolyzed Wheat Protein, Hydrolyzed Soy Protein, Leuconostoc/Radish Root Ferment Filtrate, Sodium Phytate, Mannitol, Alcohol, Parfum, Limonene, Linalool, Citral, Citronellol

200 ml
4,99-5,99 € 

Lavera – Hair – Shampoo Repair alla Rosa e Cheratina Vegetale:

Aqua, Sodium Coco-Sulfate, Lauryl Glucoside, Betaine, Maris Sal, Rosa Damascena Flower Water, Prunus Persica Fruit Extract, Triticum Vulgare Germ Extract, Oryza Sativa Extract, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Extract, Avena Sativa Straw Extract, Olea Europaea Fruit Extract, Glycine Soja Germ Extract, PCA Glyceryl Oleate, Disodium Cocoyl Glutamate, Sodium Cocoyl Glutamate, Hydrolyzed Corn Protein, Hydrolyzed Wheat Protein, Hydrolyzed Soy Protein, Leuconostoc/Radish Root Ferment Filtrate, Sodium Hyaluronate, Citric Acid, Lactic Acid, Tartaric Acid, Sodium Phytate, Alcohol, Parfum, Citronellol, Geraniol, Linalool, Limonene, Citral, Benzyl Benzoate, Coumarin

200 ml
3,99-5,99 €

Lavera – Hair – Shampoo Sensitiv alla Mandorla e Amamelide Bio:

Aqua, Sodium Coco-Sulfate, Lauryl Glucoside, Betaine, Maris Sal, Alcohol, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Extract, Hamamelis Virginiana Leaf Extract, Macadamia Ternifolia Seed Extract, Olea Europaea Fruit Extract, Glycyrrhiza Glabra Root Extract, Oryza Sativa Extract, Triticum Vulgare Germ Extract, Avena Sativa Straw Extract, Glycine Soja Germ Extract, Sodium PCA, Sodium Cocoyl Glutamate, Disodium Cocoyl Glutamate, Sodium Phytate, Parfum, Linalool, Limonene, Citronellol

200 ml
5,99-6,20 €

Lavera – Hair – Shampoo Volume al Latte di Arancio:

Aqua, Sodium Coco-Sulfate, Lauryl Glucoside, Betaine, Maris Sal, Camellia Oleifera Leaf Extract, Citrus Aurantium Amara Flower Water, Humulus Lupolus Extract, Triticum Vulgare Germ Extract, Avena Sativa Straw Extract, Oryza Sativa Extract, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Extract, Glycine Soja Germ Extract, PCA Glyceryl Oleate, Sodium Cocoyl Glutamate, Disodium Cocoyl Glutamate, Hydrolyzed Corn Protein, Hydrolyzed Wheat Protein, Hydrolyzed Soy Protein, Leuconostoc/Radish Root Ferment Filtrate, Sodium Phytate, Alcohol, Parfum, Limonene, Linalool, Citronellol

200 ml
3,99-5,99 €

In realtà, nonostante siano disponibili diverse linee, parlerò solo una volta degli shampoo, perché fondamentalmente la formula lavante è sempre la stessa.
Quello che cambia nelle varianti, è più che altro la scelta di estratti vegetali, anche i surgrassanti, gli umettanti e i filmanti restano sempre gli stessi per tutte le versioni.
La formula lavante di base non è proprio delicatissima di per sé, andrebbe testata dal vivo, e resta comunque soggettiva, abbiamo SCS come tensioattivo anionico primario, di certo non delicato, tamponato con un Lauryl Glucoside, Trimetilglicina e piccole dosi di tensioattivi non ionici delicati e un pochino di surgrassante (PCA Glyceryl Oleate).
Abbiamo poi un mix di proteine e la scelta di un conservante di origine vegetale, il Leuconostoc/Radish Root Ferment Filtrate, che corrisponde al Leucidal di AZ.
Non so prevedere il grado di aggressività/delicatezza del prodotto sulla carta, può anche essere che l'insieme di agenti tampone, filmanti e surgrassanti renda questi prodotti sufficientemente delicati, ma l'unica è provare.
Le varianti presentano sicuramente una scelta di estratti vegetali azzeccata, ma non sono state fatte aggiunte specifiche, come ad esempio la Piroctone Olamina nello shampoo antiforfora.
Non posso che consigliarvi di provarli se tollerate bene i prodotti con tanti vegetali (ci sono pelli reattive che non li sopportano), e magari di approfittare di qualche offerta per l'acquisto.
L'Esselunga li vende ad un prezzo sicuramente più caro rispetto ai rivenditori online, ma ogni tanto fa qualche ciclo di sconti, nel caso vedrei di approfittarne.

Lavera – Hair – Balsamo Color Lucentezza:

Aqua, Alcohol, Glycine Soja Oil, Cetearyl Alcohol, Myristyl Alcohol, Glyceryl Stearate Citrate, Isoamyl Laurate, Lauryl Laurate, Parfum, Lauryl Glucoside, Persea Gratissima Fruit Oil, Mangifera Indica Fruit Extract, Triticum Vulgare Germ Extract, Oryza Sativa Extract, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Extract, Avena Sativa Straw Extract, Glycine Soja Germ Extract, Camellia Oleifera Leaf Extract, Gossypium Herbaceum Extract, Sodium PCA, PCA Glyceryl Oleate, Hydrolyzed Wheat Protein, Dehydroxanthan Gum, Potassium Cetyl Phosphate, Tocopherol, Helianthus Annuus Seed Oil, Glycerin, Ascorbyl Palmitate, Limonene, Linalool, Citral, Citronellol

150 ml
4,99-5,99 €

Lavera – Hair – Balsamo Repair alla Rosa e Cheratina Vegetale:

Aqua, Alcohol, Glycine Soja Oil, Cetearyl Alcohol, Myristyl Alcohol, Glyceryl Stearate Citrate, Isoamyl Laurate, Lauryl Laurate, Parfum, Lauryl Glucoside, Persea Gratissima Fruit Oil, Rosa Damascena Flower Water, Macadamia Ternifolia Seed Oil, Triticum Vulgare Germ Extract, Oryza Sativa Extract, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Extract, Avena Sativa Straw Extract, Olea Europaea Fruit Extract, Glycine Soja Germ Extract, Prunus Persica Fruit Extract, Sodium PCA, Sodium Lactate, Hydrolyzed Corn Protein, Hydrolyzed Wheat Protein, Hydrolyzed Soy Protein, Leuconostoc/Radish Root Ferment Filtrate, PCA Glyceryl Oleate, Dehydroxanthan Gum, Potassium Cetyl Phosphate, Tocopherol, Helianthus Annuus Seed Oil, Ascorbyl Palmitate, Citronellol, Geraniol, Linalool, Limonene, Citral, Benzyl Benzoate, Coumarin

150 ml
4,99-5,99 €

Come per gli shampoo, anche in questo caso le differenze fra le due versioni non sono rilevanti, basandoci sull'INCI.
La base è molto simile, e ha molti elementi in comune con una crema, più che con un balsamo “classico”, infatti abbiamo più che altro emollienti (sia oli vegetali che alcoli di acidi grassi) ed emulsionanti, non abbiamo dei veri e propri condizionanti.
Per il resto abbiamo una grande abbondanza di umettanti, che sicuramente possono funzionare su capelli non troppo problematici, ma sono poco per gran parte dei capelli lunghi, abbondanti e/o non perfettamente lisci.
Inoltre quello che principalmente non mi piace è la percentuale di Alcol Etilico presente, l'Alcol è già il secondo ingrediente, e non ha nemmeno senso che sia inserito come conservante, dato che abbiamo anche il Leucidal, insomma hanno utilizzato lo stile formulativo che usano normalmente per le creme viso/corpo.
Sta a voi provarlo, ma sinceramente non è il mio genere, mi aspetto un prodotto mediamente nutriente (bisogna vedere quanto Alcol c'è e quanto i grassi riescano a compensare questa presenza), ma poco condizionante, ovvero all'opposto delle mie necessità, dato che cerco prodotti molto districanti e poco grassi.

Lavera – Hair – Spray Volume:

Aqua, Alcohol, Glycerin, Polyglyceryl-10 Laurate, Camellia Oleifera Leaf Extract, Citrus Aurantium Amara Flower Water, Oryza Sativa Extract, Humulus Lupolus Extract, Avena Sativa Straw Extract, Triticum Vulgare Germ Extract, Glycine Soja Germ Extract, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Extract, Moringa Pterygosperma Seed Extract, Sodium PCA, Caffeine, PCA Glyceryl Oleate, Mannitol, Maltodextrin, Parfum, Limonene, Linalool, Citronellol, Citral, Geraniol

150 ml
9,70 €

Anche qui torna il problema dell'Alcol Etilico, che in alta percentuale disidrata la pelle come i capelli, per la sua azione solvente, e non vedo ingredienti “veri” ad esclusione degli umettanti e degli estratti vegetali.
Insomma, se dovessi cercare un prodotto per capelli efficace punterei piuttosto su prodotti “compromesso”, come ad esempio L'Erbolario o Noah, che usano l'ecobio fino a dove si riesce, ma integrano con qualche ingrediente sintetico quando davvero è fondamentale, ma se volete l'ecobio al 100% potete sicuramente provare questo, ma penso che faccia poco.
Però va detto che i miei “bisogni” sono all'opposto, di volume ne ho già veramente tanto di mio, normalmente cerco proprio prodotti che minimizzino il volume, tenendo a bada i capelli nel clima umido.

Lavera – Hair – Riparatore Doppie Punte:

Aqua, Alcohol, Glycerin, Aloe Barbadensis Leaf Juice, Isoamyl Laurate, Sodium PCA, Sodium Lactate, Parfum, Persea Gratissima Oil, Macadamia Ternifolia Seed Oil, Rosa Damascena Flower Water, Triticum Vulgare Germ Extract, Oryza Sativa Extract, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Extract, Avena Sativa Straw Extract, Glycine Soja Germ Extract, Hydrolyzed Wheat Protein, Hydrolyzed Corn Protein, Hydrolyzed Soy Protein, Leuconostoc/Radish Root Ferment Filtrate, Dehydroxantan Gum, Algin, Arginine, PCA Glyceryl Oleate, Microcrystalline Cellulose, Sodium Hyaluronate, Citric Acid, Lactic Acid, Tartaric Acid, Tocopherol, Helianthus Annuus Seed Oil, Ascorbyl Palmitate, Citronellol, Geraniol, Linalool, Limonene, Citral, Benzyl Benzoate, Coumarin

30 ml
6,85 €

Come ho sicuramente scritto da qualche parte, i capelli non possono essere riparati, sono una struttura proteica senza cellule, ergo materia biologica “morta”. Una volta danneggiata la struttura, si può solo arginare il danno, ovvero tenere insieme la struttura proteica con l'aiuto di filmanti/condizionanti.
Insomma, questo prodotto contiene sicuramente una parte delle categorie di sostanze utili in questo senso: proteine, estratti vegetali sensati (probabilmente contenenti mucillagini e/o proteine), Aloe, umettanti e filmanti ecobio.
Non ci sono condizionanti veri e propri, e abbiamo una limitata percentuale di grassi (gli oli vengono dopo la fragranza).
Insomma, il prodotto in sé non è male, quello che però non mi piace è la presenza di Alcol in così alta posizione, con l'effetto solvente vanifica parte del lavoro del resto della formulazione, non capisco perché non farsi bastare il Leucidal come conservante o affiancarlo ad altri conservanti efficaci, pur accettati dai disciplinari ecobio.
Il prodotto è giusto un po' costosetto per quello che contiene, ma penso si debba usare in piccole quantità, penso come un balsamo Leave-In.

Lavera – Hair – Styling Gel:

Aqua, Sorbitol, Alcohol, Glycerin, Sodium PCA, Shellac, Bambusa Arundinacea Leaf Extract, Camellia Oleifera Leaf Extract, Carrageenan, Xanthan Gum, Dehydroxanthan Gum, Parfum, Limonene, Linalool, Geraniol, Citral, Citronellol, Benzyl Benzoate

100 ml
6,85-8,50 €

Non so ovviamente prevederne l'efficacia con precisione, ma penso che sia un ottimo compromesso per mantenere l'INCI ecobio.
Sicuramente non mi aspetto un prodotto a tenuta estrema, ma la presenza della Shellac, la naturale ceralacca, mi fa sperare in un prodotto naturale, ma anche piuttosto efficace, penso che possa aiutare i semplici gelificanti e umettanti nella tenuta.
L'unica ovviamente è provare il prodotto, dato che in questo caso le variabili sono troppe.
Non è economico, ma se siete intransigenti sull'INCI (ovvero evitate anche i polimeri sintetici in piccole quantità) penso che non possa esserci di meglio.

Vi parlo ora della linea specifica per l'uomo:

Lavera – Men Sensitiv – Doccia Shampoo 2in1:

Aqua, Sodium Coco-Sulfate, Lauryl Glucoside, Maris Sal, Aloe Barbadensis Leaf Juice, Glycerin, Sodium Cocoyl Glutamate, Disodium Cocoyl Glutamate, Bambusa Arundinacea Leaf Extract, Paullinia Cupana Seed Extract, Glucose Glutamate, Alcohol, Hydrolyzed Corn Protein, Hydrolyzed Wheat Protein, Hydrolyzed Soy Protein, Leuconostoc/Radish Root Ferment Filtrate, Chlorophyllin-Copper-Complex (C.I. 75810), Parfum, Linalool, Limonene, Citral, Coumarin

150 ml
5,99 €

La formula lavante è molto simile a quella utilizzata per gli shampoo, abbiamo sempre una base di SCS, con Lauryl Glucoside e due glutamati.
Anche in questo caso vengono inseriti diversi estratti vegetali, in questo caso Gel d'Aloe compreso, proteine e viene usato sempre il Leucidal come conservante ecobio.
L'unico pallino rosso è il tipo di colorante utilizzato, per cui sinceramente non vi so dire nulla di preciso, già che contenga Clorofilla mi pare strano che si tratti di un ingrediente bollato come rosso... ma non vado oltre, dato che non ne so abbastanza.
Secondo me va bene per pelli non particolarmente delicate, soprattutto se con capelli corti, dove non servono condizionanti in abbondanza, in quest'ultimo caso il prodotto potrebbe non essere sufficientemente districante.

Lavera – Men Sensitiv – Schiuma da Barba Delicata:

Aqua, Sodium Palmitate, Potassium Stearate, Aloe Barbadensis Leaf Juice, Glycerin, Coconut Acid, Myristic Acid, Simmondsia Chinensis Seed Oil, Glyceryl Stearate SE, Alcohol, Bambusa Arundinacea Leaf Extract, Maris Sal, Bisabolol, Hydrated Silica

150 ml
6,95-7,65 €

Abbiamo una vera e propria schiuma da barba a base di sapone naturale, anche se ottenuto a partire da acidi grassi singoli: Acido Palmitico, Acido Stearico, e un mix di acidi grassi aggiunto, oltre ad una piccola aggiunta di Olio di Jojoba come surgrassante.
Vengono anche aggiunte piccole percentuali di emulsionante, come ho fatto io nella mia versione spignattata del Sapone da Barba.
Insomma, nella sostanza non è per nulla male.
Viene poi aggiunto qualche estratto vegetale e un po' di Bisabololo, ma servono poco in un prodotto a risciacquo, che rimane sulla pelle pochi secondi, sono ingredienti che è meglio inserire nei prodotti dopobarba, non nei detergenti.
Probabilmente quella quantità di prodotto dura pochino rispetto al sapone in versione solida, che si consuma molto lentamente, ma nel complesso mi sembra davvero un ottimo prodotto!
Resta solo da vedere ogni quanto va ricomprato!

Lavera – Men Sensitiv – Balsamo Dopobarba Calmante:

Aqua, Glycerin, Alcohol, Glyceryl Stearate SE, Glyceryl Stearate Citrate, Aloe Barbadensis Leaf Juice, Helianthus Annuus Seed Oil, Parfum, Caprylic/Capric Triglyceride, Olea Europaea Fruit Oil, Bambusa Arundinacea Leaf Extract, Sodium Cetearyl Sulfate, Tocopheryl Acetate, Hydrogenated Lecithin, Tocopherol, Camellia Oleifera Leaf Extract, Potassium Cetyl Phosphate, Xanthan Gum, Dodecane, Dipotassium Glycyrrhizate, Bisabolol, Helianthus Annuus Seed Oil, Ascorbyl Palmitate, Linalool, Limonene, Coumarin, Citral, Geraniol, Citronellol

50 ml
5,00-8,95 €

Si tratta di un bel prodottino, ad esclusione dell'alta percentuale alcolica, come succede spesso per i prodotti di stampo tedesco.
Abbiamo una cremina ben formulata, con emollienti assortiti, e un ottimo mix di lenitivi: Gel d'Aloe, Dipotassium Glycyrrhizate, Bisabololo e anche qualche antiossidante.
Insomma niente male, ma bisogna considerare l'azione dell'Alcol, che potrebbe dar fastidio alle pelli molto delicate.

Lavera – Men Sensitiv – Crema Idratante:

Aqua, Aloe Barbadensis Leaf Juice, Glycerin, Alcohol, Glyceryl Stearate Citrate, Caprylic/Capric Triglyceride, Cetyl Alcohol, Sodium Lactate, Cellulose, Xylitylglucoside, Anhydroxylitol, Helianthus Annuus Seed Oil, Olea Europaea Fruit Oil, Bambusa Arundinacea Leaf Extract, Ginko Biloba Leaf Extract, Simmondsia Chinensis Seed Oil, Sodium Hyaluronate, Potassium Cetyl Phosphate, Xanthan Gum, Dodecane, Cetearyl Alcohol, Xylitol, Hydrogenated Lecithin, Tocopheryl Acetate, Tocopherol, Helianthus Annuus Seed Oil, Ascorbyl Palmitate, Parfum, Linalool, Limonene, Coumarin, Citral, Geraniol, Citronellol

30 ml
5,94-6,99 €

Anche in questo caso lo stile di formulazione è quello alla tedesca, con l'Alcol in alta posizione, usato anche come conservante, e in questo caso è chiaro, non sono stati aggiunti altri conservanti, quindi è sicuramente più del 5-7%.
Per il resto mi piace sia la scelta degli emulsionanti, che dei numerosi umettanti, è una delle creme più ricche ed idratanti che vedo (ma va sempre valutata la percentuale di Alcol), abbiamo sia Xilitolo che suoi derivati, oltre a Sodio Lattato, Gel d'Aloe, Sodio Ialuronato e una coppia di antiossidanti, abbiamo poi gli estratti vegetali di Bambù e Ginko Biloba.

Lavera – Men Sensitiv – Deodorante Roll-On:

Aqua, Aloe Barbadensis Leaf Juice, Alcohol, Zinc Oxide, Glyceryl Caprylate, Xanthan Gum, Zinc Ricinoleate, Hydrogenated Palm Glycerides, Glycerin, Bambusa Arundinacea Leaf Extract, Cymbopogon Flexuosus Herb Extract, Bisabolol, Caprylic/Capric Triglyceride, Hydrogenated Lecithin, Parfum, Limonene, Linalool, Citral, Coumarin, Geraniol, Citronellol

50 ml
4,24,4,99 €

Questo è uno dei tanti deodoranti a base primariamente alcolica, in sostanza quelli che hanno incentivato l'uso degli antitraspiranti, con la dicitura “senza alcohol”.
In questo caso, oltre all'alcol abbiano una certa dose di Ossido di Zinco e lo Zinco Ricinoleato (che ingloba le molecole “puzzolenti”).
Insomma, potrebbe essere moderatamente efficace, probabilmente ottimo nel breve periodo, ma scarso nel lungo termine, dato che l'Alcohol evapora in fretta, perdendo l'effetto batteriostatico.
Insomma, va provato, dato che il deodorante è uno dei cosmetici più soggettivi esistenti, inoltre, a discapito della formula “visibile”, potrebbe comunque esserci anche l'aggiunta di una fragranza adatta, che agisce come ulteriore batteriostatico aggiunto, un po' come faccio io quando aggiungo Olio Essenziale di Tea Tree ai deodoranti spignattati.

Anche per oggi è tutto!
Alla prossima!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione

giovedì 3 agosto 2017

Ricetta per un Burro Struccante (da frigo)!

Ciao a Tutti!
Qualche tempo fa su un gruppo è emerso il dilemma degli struccanti, come sapete, tempo fa vi avevo già parlato dell'assortimento di prodotti commerciali tra cui scegliere... ma il dibattito è nato in particolare sul Clinique – Take the Day Off, ovvero il famoso burro struccante.
Dato che non l'ho mai provato (ho provato a chiedere un campioncino da Sephora, ma loro non tengono quel tester, sicuramente cercherò di riprovare, chissà che magari non compaia prima o poi sulle postazioni trucco?), ho provato a riprodurlo un po' a naso, anche se il mio primo tentativo non è stato un successo al 100%.


Infatti il prodotto è adatto a stare in frigorifero (o comunque sotto i 15°C circa, quindi anche fuori dalla finestra quando si può!), mentre a temperatura ambiente si trasforma in un latte detergente, non liquido, ma fin troppo fluido per stare in vasetto.
In ogni caso l'effetto ricercato a contatto della pelle è stato ricreato nel modo giusto, il prodotto da “burroso”, si trasforma quasi in un “olio”.
Mi ha soddisfatto la capacità struccante, anche se non permette uno struccaggio più rapido rispetto alla mia normale Routine, semplicemente perché negli occhi, per quanto non dia fastidio, devo per forza usare i cottonfioc.

Ricetta:

Fase A
Acqua 30
Caprylyl/Capryl Glucoside 7
Glicerina 3
Euxyl PE 9010 0,5

Fase B
Cera d'Api 5
Olio di Cocco 35
Olio di Riso 11,5
Coco-Caprylate 8

Procedimento:

La realizzazione è molto semplice, si tratta di una versione leggermente modificata di Cold Cream.
Si parte con il preparare separatamente le due fasi, la più lunga da preparare è ovviamente la fase B, dato che bisogna sciogliere la Cera d'Api, raggiungendo quindi gli 80°C circa.
Dato che non è necessario emulsionare ad altissima temperatura, si può anche lasciar raffreddare un pochino la fase B prima di procedere ad unire le fasi.

Emulsionando con il frullatore ad immersione per qualche minuto, verrà fuori una sorta di “latte” molto liquido, che purtroppo non si addenserà fino ad essere solido in ambienti sopra i 15-18°C, ma che si limiterà a diventare un fluido. Addenserà col freddo, formando una sorta di burro ceroso e un po' friabile.
Il prodotto è della giusta composizione per ammorbidirsi al contatto con le dita, e sciogliersi del tutto quando viene applicato sul viso.

Eventuali Omissioni/Sostituzioni:

Potete provare ad usare diversi oli vegetali, ma Olio di Cocco e Olio di Riso sono fra gli oli più tollerati sul contorno occhi, inoltre hanno una composizione abbastanza particolare, soprattutto se si prendono come esempio oli economici, reperibili anche al supermercato.
Dato che si tratta di un prodotto Rinse-Off non considero che valga la pena usare oli costosi, possono bastare oli economici, meglio ancora se alimentari, per la certezza che non siano state aggiunte fragranze.
Eventuali altri tensioattivi possono magari andare bene, ma consiglio solo tensioattivi non ionici, così che non serva dover inserire degli anfoteri come tampone.


Anche per oggi è tutto!
Alla prossima!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Promiseland.it, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione

lunedì 31 luglio 2017

Haul non proprio Haul - I miei Regali di Compleanno!

Ciao a Tutti!
Dato che sono partita proprio dopo il mio compleanno, non sono proprio riuscita a presentarvi tutti i miei regali Makeupposi, nonostante sia già passato quasi un mese!
Torno qui oggi proprio per mostrarveli!

Il primo è un mini regalino “frivolo” che mi ha fatto il moroso, si è parlato tanto online del famosissimo rossetto Lancôme allegato ad una rivista in edicola... che pure il mio ragazzo l'ha capito... e la sera dell'uscita si è presentato con l'acquisto!

  • Lancôme – L'Absolu Rouge – N° 378 – Rose Lancôme




Si tratta di un colore da Inverno Brillante, una delle stagioni armocromatiche più rare, ma ho voluto comunque cedere allo sfizio, pur sapendo già questa cosa.

Oltre al rossetto, nella rivista era allegato anche il nuovo profumo di Narciso Rodriguez:

  • Narciso Rodriguez – Eau de Parfum – For Her – Fleur Musc

Ma ovviamente il fidanzato non mi ha regalato solo questa cosina... 
Il vero e proprio regalo del moroso è invece stato uno dei prodotti che da tempo avevo in wishlist: ovvero la palette occhi di Kat Von D:


  • Kat Von D – Shade&Light Eye – Eye Contour Palette
Oltre a questo, durante la stessa occasione, ovvero il Trucco del Compleanno al Corner Urban Decay di Annex – La Rinascente, mi sono anche autoregalata un rossetto che ha spopolato nel mio gruppetto di amiche, rossetto uscito durante la passata stagione in Edizione Limitata: il mitico Bruise!
Non ho fatto specificatamente un post per il Trucco del Compleanno semplicemente perché sono stata in giro tutto il giorno, dato che era anche il primo giorno di saldi a Milano, e la luce in una giornata estiva e calda era purtroppo pessima.
Una volta arrivata a casa il trucco non era colato del tutto (nonostante le temperature), ma già il rossetto ben applicato, era ormai andato con il pasto fuori... non aveva senso fare un post con pessime fotografie.

  • Urban Decay – Vice Lipstick – Vintage – Bruise

Si tratta di un rossetto uscito, appunto, in Edizione Limitata, uscito solamente da Annex al Corner UD di Milano, di cui vi ho largamente parlato di recente.
Non sarebbe la mia prima scelta armocromatica... ma mi sono subito innamorata!
È stato proprio amore a prima vista!
Si tratta di un rossetto sheer, che a prima vista potrebbe sembrare un marrone violaceo molto strong... ma appunto è molto semitrasparente, così esce fuori un berry leggermente freddo e intenso per me, ma che può andare bene per un rossetto “da serata”, che ha anche un buon comfort!
Ma ovviamente ve ne parlerò per bene in occasione della review!

Mentre un mini-regalo da parte di una mia amica è stato l'utilizzo dei suoi punti fedeltà Kiko, così mi sono autoregalata, con uno sconto finale di circa il 50%, l'Eyeliner in gel di Kiko:

  • Kiko – Lasting Gel – Eyeliner

Mi sono effettivamente resa conto che quello spignattato da me funziona solo entro certi limiti.

Ma infine, sono arrivati altri due regali in ritardo, e li ho potuti trovare solamente al mio rientro dalle vacanze!
Il primo è di Sephora, che mi ha mandato il coupon per ritirare il mio regalo di compleanno in negozio, che probabilmente ritirerò fra un mesetto, quando mi sarò decisa su come utilizzare il raddoppio dei punti:



e inaspettatamente, tornata dalle vacanze, ho trovato quest'altro regalo ad attendermi:


  • Lidl – Mio Mare – Specchio per il Trucco

Regalino fattomi dai miei genitori, anche se il vero regalo l'avevo avuto già prima, un paio di sandali fatti su misura, sicuramente ne avranno approfittato vedendolo per caso sugli scaffali delle offerte temporanee!
Ovviamente avrete al più presto review accurata di tutto quanto!

Anche per oggi è tutto!
Alla prossima!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione

mercoledì 26 luglio 2017

Recensione della Spazzola Tangle Teezer Blow Styling Half Pad!

Ciao a Tutti!
Sono tornata giusto lunedì dalle mie Vacanze Siciliane vol.2, ed ecco qui già il primo articolo post-vacanziero!

Dopo molto tempo, finalmente sono pronta per farvi una completa recensione di uno dei prodotti più famosi e conosciuti che ho acquistato quest'anno, ovvero la Tangle Teezer Blow Styling, di cui vi ho mostrato l'acquisto (anche se non fatto da me).

Ho aspettato a parlarvene non solo perché avevo fatto alcune modifiche al solito taglio di capelli (vi avevo mostrato qui il mio semplicissimo carrè con undercut), ma anche perché volevo verificarne il funzionamento non solo nel clima invernale, ma anche in situazioni particolari, come la piscina (che in qualche modo simula il periodo estivo insomma) e d'estate, insomma in occasioni in cui lascio asciugare i capelli completamente al naturale.
Purtroppo nell'ultimo periodo sono stata piuttosto presa con il lavoro, quindi non ho avuto occasioni di utilizzarla in questo modo prima delle mie vacanze al mare, così ho aspettato.

Ho avuto modo di usarla per diversi mesi, e attendendo l'occasione d'uso al mare o piscina all'aperto (avevo provato in qualche occasione al chiuso), e ho provato ad usarla in tanti modi diversi, compresi quelli non “canonici”.
Non avendo mai avuto una Tangle Teezer, non cercavo specificatamente una spazzola districante (anche se effettivamente forse ne ho bisogno), avendo provato questa dal parrucchiere, cercavo una spazzola molto utile nel rimuovere velocemente l'acqua in eccesso dai capelli, e magari più pratica da usare per la piega, nello stesso modo in cui ho imparato ad usare la normale spazzola quadrata.

Questa spazzola avrà soddisfatto le mie aspettative?
Per essere più chiara possibile, e darvi un quadro il più possibile completo, vi parlerò specificatamente delle differenti modalità in cui ho usato la spazzola, e di come mi sono trovata:

1) Come spazzola districante su capelli bagnati (durante il lavaggio):


Assolutamente sopravvalutata, probabilmente è più che giusto, questa Tangle Teezer in particolare non è stata specificatamente sviluppata per questo motivo, ma è chiaro che non districa in modo indolore i capelli, almeno non da bagnati, quindi assolutamente, non pensate che questa spazzola possa sostituire una Tangle Teezer classica (di cui sento parlare benissimo, ma che non ho mai provato in prima persona).
In realtà, in questo senso, funziona molto peggio di un pettine, non serve a spargere bene nemmeno balsami e maschere, dato che il prodotto non si diffonde in modo omogeneo.
In questo caso mi trovo mille volte meglio con un normale pettine.

2) Come spazzola districante e drenante su capelli bagnati (dopo il lavaggio):


Questo forse è uno dei pochi utilizzi dove questa spazzola è effettivamente superiore a qualunque altra, ha delle setole particolari, che effettivamente vanno a far confluire l'acqua al di fuori della chioma, facendo persino “sgocciolare” i capelli tamponati con l'asciugamano!
Non districa eccessivamente i capelli, diciamo non più di una qualsiasi altra spazzola, ma sicuramente riesce a rimuovere in fretta l'acqua in eccesso, velocizzando un po' i tempi di asciugatura al naturale e col phon, ma questo utilizzo è un po' vanificato se si applicano prodotti leave-in sui capelli quali Gel ai Semi di Lino (es. il prodotto spruzzabile che uso io) o Gel d'Aloe, perché l'uso della spazzola tende a rimuoverlo, più che a spargerlo meglio.

3) Come spazzola districante su capelli asciutti:


Rispetto alle normali spazzole con denti sottili e non sagomati, effettivamente riesco ad usarla per pettinare i capelli prima di fare la doccia/lavare i capelli, mentre con nessun'altra spazzola c'ero mai riuscita in modo indolore (almeno con con i capelli medi-lunghi), così facilito le operazioni durante la doccia.
Questo è il migliore uso che ho trovato, visto che con le altre spazzole ho sempre sofferto molto, tanto che non effettuavo questa operazione da diversi anni.
Va comunque considerato però che durante l'inverno ho “sfoltito” i capelli, rendendoli più semplici da gestire, da quando l'ho fatto riesco a gestire molto meglio la chioma, anche quando la lascio asciugare col mosso naturale, mentre ai tempi avevo dei capelli piuttosto lunghi, ma molto, molto impegnativi.

4) Come spazzola piatta per fare la piega:


Nonostante la spazzola sia stata progettata specificatamente per questo, ovvero per lo Styling, è proprio il punto dove trovo pecchi maggiormente!
La spazzola che ho io, l'Half Pad, è consigliata per capelli medi e corti, ed è di pochissimo più piccola della normale spazzola piatta che usavo, ma non rende assolutamente quanto quest'ultima!
I capelli sono molto più gestibili usando la normale spazzola piatta a denti sottili, se questi denti sagomati sono utili per drenare i capelli, non risultano assolutamente utili per la piega con la spazzola, spesso i capelli mi si impigliano formando più facilmente nodi, e riesco a fare la piega alle punte con molta più difficoltà.
Infatti, lo svantaggio di questa spazzola, quando si esegue la piega con la spazzola piatta (ovvio che questa non sia comunque paragonabile alla piega fatta con la spazzola tonda, servono per ottenere effetti diversi), è che i denti sono sagomati per essere usati preferibilmente in un senso, in sostanza se si gira attorno alla testa per fare la piega, e quindi si muove la spazzola parallelamente al manico (in qualsiasi direzione che non sia quella perpendicolare al manico), in sostanza si sente una certa “resistenza”, cosa che non capita con la normale spazzola piatta a denti sottili e cilindrici.
Anche il mio stesso parrucchiere, che ha testato proprio su di me questa stessa spazzola, preferisce altri strumenti per fare la piega, e non trova questa spazzola eccezionale.

Insomma... in conclusione che dire?

Non è una spazzola che vale 20 euro, secondo me, è una spazzola che forse può valere quanto una qualsiasi altra spazzola di livello “medio-alto”, circa 10 euro, diciamo non di livello professionale, né di livello basso, da supermercato insomma, ma non la considero speciale quanto viene osannata online e penso non valga assolutamente la pena acquistarla a prezzo pieno, ma come minimo, la consiglio solo se acquistata in sconto.
Per lo Styling penso si trovino spazzole piatte professionali di livello più alto, più o meno al prezzo di listino di questa (su Amazon comunque si trova a meno), quindi sinceramente non posso consigliarvi appieno l'acquisto, soprattutto se avete i capelli lisci o non particolarmente ricci/crespi (in questo caso non posso darvi consigli molto sensati, dato che i miei non lo sono).
Probabilmente vale più la pena di prendere la normale Tangle Teezer, se davvero avete questa necessità.
Io tutt'ora non ho trovato nulla che non vada al semplice pettine classico (ma ovviamente parto con il districare le punte, salendo piano piano) unito a tanta pazienza.


Anche per oggi è tutto!
Alla prossima!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione

venerdì 7 luglio 2017

Review pre-partenza di Prodotti di Skincare, progetto Smaltimento Campioncini!

Ciao a Tutti,
Proprio ora, in prossimità della mia partenza, torno a parlarvi di qualcuno dei prodotti che ho usato negli ultimi periodi, in particolare quest'oggi vi parlerò più che altro di sample, dato che finalmente ho ricominciato a spignattare un po' e sono andata avanti con il progetto “smaltimento campioncini”, iniziato quest'inverno.

Comincio con il parlarvi del prodotto “campioncino”, che era in realtà una mini-size da viaggio, dato che si tratta di 5 ml in un vero e proprio tubetto con confezione, non di una semplice bustina:

Bottega Verde – Straordinaria – Trattamento Viso Antiage Multiattivo:

Aqua, Pentylene Glycol, Ethylhexyl Stearate, C14-22 Alcohols, Jojoba Esters, Octyldodecanol, Cetearyl Alcohol, Helianthus Annuus Seed Wax, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Oil, Tocopheryl Acetate, Stearic Acid, Argania Spinosa Kernel Oil, Phenoxyethanol, Sodium Stearoyl Lactylate, C12-20 Alkyl Glucoside, Ethylhexylglycerin, Acacia Senegal Gum, Xanthan Gum, Sodium Hyaluronate, Maltodextrin, Hydrolyzed Viola Tricolor Extract, Acacia Decurrens Flower Wax, Ceramide 3, Phytosphingosine, Cholesterol, Ceramide 6-II, Magnolia Officinalis Bark Extract, Acetyl Hexapeptide-8, Tocopherol, Vitis Vinifera Seed Extract, Ceramide 1, Polyglycerin-3, Sodium Lauroyl Lactylate, Lecithin, Sodium Hydroxide, Caprylyl Glycol, Carbomer

5 ml

Grazie ad una promozione di BV, già diversi mesi fa ho avuto diritto a ritirare un sample in negozio presentando il coupon ricevuto per posta, il prodotto viene offerto in una minisize da viaggio da 5 ml in tubetto, effettivamente molto comoda proprio da usare in viaggio.
Io ne ho approfittato per iniziarla durante il ponte del 1 maggio, la crema è piuttosto fluida per essere venduta in vasetto, ed è una cosa che apprezzo molto.
Ha una consistenza molto setosa e leggera, cosa che apprezzo molto nelle creme viso, e mi piace anche la formulazione, a parte il glicole in alto nell'INCI (ma che serve per renderla una crema leggera) e il Carbomer (che considero comunque essenziale su una pelle mista/grassa) è completamente verde, e a differenza della maggior parte delle creme BV è anche senza allergeni del profumo!
L'ho usata per circa due settimane, sapevo che non l'avrei finita durante il ponte, ma ormai la tenevo nell'armadietto del bagno da troppo tempo per aspettare le vacanze estive.
In ogni caso devo dire che come crema è davvero, davvero validissima, la consiglio assolutamente per chi ha una pelle piuttosto intollerante agli oli, su di me non è stata per nulla comedogena, e la consistenza più fluida della media delle creme da vasetto permette di dosarla alla perfezione, trovando la quantità perfetta per nutrire la pelle senza occludere troppo i pori.
Ovviamente per quanto ricca non è possibile aspettarsi un effetto antiage visibile, ma sicuramente c'è tutto quello che ci si può aspettare da un anti-age per pelli che non siano sul versante pelle secca:
Sodio Ialuronato, diversi umettanti, Fitosfingosine, Ceramidi, un peptide, Tocoferolo e infine anche alcuni estratti vegetali.
Davvero consigliatissima! 
Purtroppo il prezzo è davvero proibitivo, se viene scontata (almeno del 20-25%) forse si arriva ad un prezzo accettabile, anche se comunque è a mio parere un po' troppo alto per il prodotto che è.

L'Erbolario – Frescaessenza – Bagnoschiuma:

Aqua, Disodium Cocoanphodiacetate, Cocamidopropyl Betaine, Lauryl Glucoside, Coco-Glucoside, Parfum, Disodium Cocoyl Glutamate, Glycerin, Sodium Chloride, Citrus Aurantifolia Leaf Extract, Citrus Limon Flower/Leaf/Stem Extract, Hydrolyzed Quinoa, Mimosa Tenuiflora Bark Extract, Larix Europaea Wood Extract, Sodium Cocoyl Glutamate, Citric Acid, Limonene, Linalool, Potassium Sorbate, Sodium Benzoate

250 ml
9,00 € circa

Il sistema lavante è differente da tutte le altre versioni che ho testato o usato in precedenza, anche se ha elementi in comune sia con la variante 3 Rosa, che con quella Osmanthus, ma a la consistenza e la texture è molto più simile a quest'ultima variante.
Il prodotto, come gli altri detergenti della marca che ho provato, è lavante il giusto, è delicato e nonostante tutto sufficientemente schiumoso.
La fragranza è fresca e agrumata, grazie appunto al Lime, con una punta balsamica, che però rimane comunque piuttosto discreta.
Non è una fragranza che sceglierei specificatamente fra le tante che fa la marca, ma penso sia perfetta per un prodotto unisex, che non si sbilancia troppo né sul femminile, che sul maschile.

L'Erbolario – Gelsomino Indiano – Bagnoschiuma:

Aqua, Coco-Glucoside, Disodium Cocoyl Glutamate, Parfum, Sodium Cocoyl Glutamate, Jasminum Officinale Extract, Malva Sylvestris Flowe/Leaf/Stem Extract, Polygonum Fagopyrum Flour, Sodium Lauroyl Oat Amino Acids, Glycerin, Citric Acid, Xanthan Gum, Alpha-Isomethyl Ionone, Benzyl Benzoate, Benzyl Salicylate, Geraniol, Hexyl Cinnamal, Limonene, Linalool, Potassium Sorbate, Sodium Benzoate

250 ml
9,00 € circa

Quello che mi ha subito colpito di questo prodotto è il profumo davvero paradisiaco!
L'ho amato fin dal primo impatto, quando ho aperto la bustina.
Il profumo che caratterizza questo bagnoschiuma è molto intenso, dolce, ma allo stesso tempo caldo e orientale, mi pare di avvertire una nota d'ambra, mentre non so proprio dirvi se è davvero fedele il Gelsomino, dato che è un profumo che non conosco molto bene, ma vi posso solo consigliare assolutamente di provarlo (il profumo in generale, estendendo quindi anche agli altri prodotti della linea Gelsomino Indiano).
Purtroppo il detergente è leggermente più liquido degli altri detergenti L'Erbolario che ho provato, quindi è un pochino più scomodo da applicare e usare, ma l'ho apprezzato comunque.
Risulta davvero piacevole e delicato, come quasi tutti i detergenti della marca, e in questo caso ho avvertito ancora di più l'effetto “coccola”, visto questo profumo straordinario!
Assolutamente consigliatissimo!

Le Driadi – Argan&Argan – Olio Doccia Sublime:

Aqua, Ammonium Lauryl Sulfate, Decyl Glucoside, Maris Sal, Argania Spinosa Kernel Oil, Argan Oil Polyglyceryl-6 Esters, Hydrolyzed Rice Protein, Hydrogenated Palm Glycerides Citrate, Tocopherol, Coco-Glucoside, Glyceryl Oleate, Disodium Cocoyl Glutamate, Sodium Cocoyl Glutamate, Betaine, Sodium Benzoate, Potassium Sorbate, Citric Acid, Lactic Acid, Parfum

Non mi è dispiaciuto per niente, anche se ci sono prodotti migliori su questa fascia di prezzo (come sapete io AMO il Bagnodoccia dell'Esselunga Gabbiano).
Questo prodotto è un gel perfettamente trasparente e leggermente ambrato, che però ha il leggero svantaggio di essere un pochino appiccicoso.
Se viene usato su pelle non abbondantemente bagnata, “frena” un pochino.
In ogni caso mi piace, nonostante la texture non proprio ottimale è piuttosto delicato, nonostante la presenza di ALS fa una schiuma abbastanza delicata e poco abbondante, cosa che non considero negativa (non sono “fissata” sul fatto che un detergente faccia abbondante schiuma, anzi!).
Se comunque volete un po' di schiuma, ci vuole un po', ma frizionando a lungo comincia a formarsi.
Il prodotto è completamente trasparente, quindi dubito che sia molto surgrassato, penso semplicemente che abbia poco tensioattivo, questo tipo di formula può essere un problema per gli shampoo (perché potrebbe lavare fin troppo poco nella sua delicatezza), ma per i detergenti intimi/viso/corpo/mani trovo che vada benissimo così, di solito la percezione di “non abbastanza pulito” è dovuta alla poca schiuma, ma è solo una percezione, non serve per forza una schiuma abbondante per detergere (diverso ovviamente è per chi deve lavare via dal corpo, per motivi di lavoro, sostanze particolari, come residui di olio motore, odori persistenti come quello di pesce ecc...).
Il punto forte del prodotto resta comunque il profumo, è davvero inebriante, molto dolce, ma nello stesso tempo molto adatto ad un detergente, non risulta stucchevole, probabilmente se fosse stato in una crema non lo avrei apprezzato così tanto, ma in un detergente l'ho trovato perfetto!
Inoltre il prodotto è di una fascia discretamente economica per essere un prodotto 100% ecobio (e anche senza allergeni del profumo!).

Le Driadi – Aloe&Ginko – Crema Tonificante Viso:

Aloe Barbadensis Leaf Juice, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Oil, Glycerin, Ethylhexyl Palmitate, Glyceryl Stearate Citrate, Helianthus Annuus Seed Oil, Ginko Biloba Leaf Extract, Cetearyl Glucoside, Cellulose Gum, Microcrystalline Cellulose, Xanthan Gum, Cetearyl Alcohol, Tocopheryl Acetate, Lactic Acid, Benzyl Alcohol, Dehydroacetic Acid, Parfum

Sulla carta non mi aspettavo gran ché da questo prodotto, abbiamo una semplicissima crema basic, realizzata comunque a partire da una fase acquosa composta quasi completamente da Gel d'Aloe, per il resto però abbiamo giusto l'Estratto di Ginko Biloba, e una cascata di grassi ridotta all'essenziale.
Ho comunque deciso di portare con me i due campioncini per il ponte del 2 giugno in montagna, e l'abbiamo usata sia io, che il mio ragazzo, per ridurre al minimo i bagagli beauty (ho fatto tutto di fretta il giovedì sera prima di partire!).
La Crema è perfettamente bianca, piuttosto fondente, la texture è buona anche se frena un pochino alla fine, bisogna spalmarla piuttosto in fretta per evitare che asciugando subito “tiri” un pochino.
L'abbiamo usata anche per il contorno occhi, dato che l'ho dimenticato a casa, e senza conseguenze negative.
La crema non è certo un prodottone, non è esageratamente ricca e potrebbe non essere tollerata da tutte le pelli, ma ha fatto il suo lavoro di idratante/emolliente in un momento dove ho avuto improvvisamente bisogno di maggiore nutrimento (sono passata dal caldo opprimente della Pianura Padana all'aria fresca dell'alta montagna!), mentre non è stata effettivamente l'ideale da usare d'estate nell'afa della Pianura Padana, dopo il mio ritorno.

Setaré Firenze – Contorno Occhi Antiage:

Aqua, Caprylic/Capric Triglyceride, Glyceryl Stearate Citrate, Squalane, Cetearyl Alcohol, Myristyl Alcohol, Prunus Amygdalus Dulcis Seed Oil, Hydrogenated Olive Oil, Glyceryl Caprylate, Argania Spinosa Kernel Oil, Olea Europaea Fruit Oil, Olea Europaea Fruit Oil Unsaponifiables, Aloe Barbadensis Extract, Sylibum Marianum Extract, Taraxacum Officinale Rhizome/Root Extract, Chamomilla Recutita Extract, Malva Sylvestris Extract, Caffeine, Sodium Hyaluronate, Sodium Lactate, Sodium PCA, Tocopherol, Fructose, Glycine, Inositol, Niacinamide, Urea, Ascorbyl Palmitate, Benzyl Alcohol, Xanthan Gum, Sodium Benzoate, Parfum, Sodium Dehydroacetate, Glycerin, Benzyl Salicylate, Lactic Acid, Lecithin, Coumarin, Linalool, Citric Acid, Geraniol, Citronellol, Hexyl Cinnamal, Hydroxycitronellal

15 ml
29,80 €

Lo definirei come un contorno occhi “cicciotto”, ovvero si tratta di una crema bella ricca, densa da vasetto, ma che nonostante tutto è molto morbida, spalmabile e anche ben assorbita dal contorno occhi.
Mi è davvero piaciuta tantissimo, nonostante questo sia un periodo dove uso prodotti relativamente leggeri.
La bustina contiene una dose molto generosa di prodotto, per mantenerlo al meglio per più tempo possibile ho travasato il contenuto con una siringa senza ago, e l'ho inserito in un vasetto sample da 5 ml.
Per ogni applicazione ho sporcato a malapena il dito per prelevare la quantità giusta di prodotto per ogni palpebra, e la quantità di prodotto che sono riuscita a trasferire è stata sufficiente per due applicazioni giornaliere per circa due mesi, effettivamente ne basta davvero poco di prodotto.
L'INCI è davvero impeccabile, quello che si si aspetta da un prodotto davvero ecobio come questo, e nonostante tutto è molto ricco.
Abbiamo un ampio assortimento di umettanti, estratti vegetali e antiossidanti. Insomma è un prodotto ricco come lo farei io, anche se effettivamente è molto caro.
Gran parte del prezzo penso sia anche dovuto al packaging (data la consistenza del prodotto io avrei apprezzato anche un banalissimo vasettino da 15 ml, che sicuramente implica costi più bassi), ma va comunque considerato che basta davvero pochissimo prodotto per ogni applicazione, e il dispenser va a mantenere al meglio il prodotto nel tempo.
Sono anche molto soddisfatta dalla texture, perché a differenza di altre creme che ho provato, non frena minimamente, quindi anche una goccia di prodotto riesco a stenderla senza difficoltà su tutto il contorno occhi, sia superiore, che inferiore, e si può massaggiare davvero a lungo.
Va comunque considerato che applico SEMPRE il contorno occhi dopo un tonico idratante o Siero di Sodio Ialuronato, che lubrificano molto bene la pelle.
Nonostante gli allergeni del profumo (che non sono nemmeno pochi), non ho avvertito nessun fastidio e la crema stessa non ha un odore ben definito, ottimo segno, indica che la fragranza è presente in una dose molto ridotta, compatibile con un'area delicata come quella del contorno occhi.
Io normalmente applico il prodotto su tutta la palpebra, compresa la mobile, perché effettivamente è l'area dove soffro maggiormente di secchezza, in questo senso sono una tester un po' farlocca, perché raramente i prodotti mi provocano fastidi agli occhi, nonostante li usi anche sulla palpebra mobile (teoricamente andrebbero usati solo su quella fissa, a parte i prodotti specifici per andare a contatto con le rime oculari), le poche eccezioni sono state alcuni prodotti Eucerin, come vi avevo raccontato.
Il prodotto, nonostante sia ricco e grassoccio, non mi ha assolutamente causato grani di miglio o palpebra eccessivamente oleosa, altro aspetto a favore.
Mi è piaciuta anche la resa di questo contorno occhi sotto il trucco.
Certamente non posso vantare una tenuta mostruosa di qualsiasi trucco nonostante l'uso della crema contorno occhi, ma è anche vero che la mia palpebra mobile sfrega molto con quella fissa, che va in parte a ricoprire la prima, e nemmeno a palpebra “nuda”, con solo il primer, il trucco occhi mi resiste intonso... quindi l'unica cosa che posso dirvi è che usando questo contorno occhi sotto il Primer Potion Antiage di UD, non ho problemi nel truccarmi, e non peggiora la tenuta del trucco in generale.
Insomma, che altro dire, promosso davvero a pieni voti!
L'ho proprio amato, tanto che ora sono in dubbio se acquistare il DomusOlea di cui vi ho parlato l'ultima volta o questo!

Anche per oggi è tutto!
A presto!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Promiseland.it, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione

mercoledì 5 luglio 2017

Il mio Beauty Case delle Vacanze - 2017, cosa porto con me?

Ciao a Tutti!
Anche quest'anno torno a parlarvi del mio Beauty Case da viaggio, come ho fatto l'anno scorso.
Anche per quest'anno ho in programma una vacanza in Sicilia, sempre in zone molto isolate, anche se quest'anno avrò la possibilità di usare l'auto.
Starò via circa due settimane, e anche quest'anno ho un bell'assortimento di prodotti:

  • Campioncini che mi sono stati dati da diversi esercizi commerciali
  • Prodotti commerciali che avevo già acquistato o che ho comprato specificatamente per il viaggio
  • Spignatti

Quest'anno però ho il vantaggio di poter spedire il bagaglio, quindi molta della mia ansia è sicuramente ridotta!
Vi mostrerò comunque tutto quello che porterò, indifferentemente che si tratti di prodotti da spedire o da mettere nel bagaglio a mano.

Solari:


Comincio con il parlarvi dei prodotti principali, ovvero Solari e Doposole, prodotti immancabili in un beauty case per il mare

  • Coppertone – Kids – Crema Solare Protettiva VWR SPF 50+
Dato che il prodotto l'ho acquistato a luglio, quando ero già in vacanza, il PAO di 12 mesi non è ancora scaduto, ne manca poco, quindi lo userò fino alla fine, prima di iniziare una nuova confezione di solare


  • Eucerin – Sun Gel-Creme Oil Control SPF 50+
mi sono stati dati alcuni campioncini diversi mesi fa, ma che ovviamente non aveva senso usare prima


  • Garnier – Ambre Solaire – Advanced Sensitive – Protezione alta per il viso spray – SPF 50+
  • Nivea Sun – Protect&Refresh – Spray Solare Rinfrescante protezione alta – SPF 30

Doposole:


Quest'anno non ho ricevuto prodotti da testare, quindi mi sono munita solamente dei miei spignatti


Detergenti:

Dato che quest'anno ho avuto la possibilità di spedire il bagaglio, invece che dovermi organizzare un bagaglio a mano e uno in stiva, non ho avuto la necessità di munirmi di tantissimi campioncini, ho portato una maggior quantità di prodotti in full-size, detergente intimo compreso, e ho scelto un sapone di quelli fatti da me, adatto sia per il viso, che per il corpo, e dato che ho portato con me più Make Up dell'anno scorso, mi sono munita anche di struccante.
Solitamente, come già sapete, uso il normale sapone artigianale per mani e viso, anche se in quest'ultimo caso scelgo accuratamente i saponi che mi sono effettivamente venuti sufficientemente delicati, e proprio l'anno scorso avevo realizzato un sapone perfetto per il viso, che però ho già finito, probabilmente ne preparerò ancora un po' quando tornerò dalle vacanze, così da averne per l'autunno.
Mentre per quanto riguarda il detergente Natura Verde, come vi avevo anticipato, è un perfetto docciaschiuma e shampoo in uno, e risulta anche piacevole e delicato per entrambi gli usi!
  • In’s – Bio – Detergente Intimo Biologico che vi ho recensito tempo fa e che ho riacquistato
  • Sensuré – Salviettine Igiene Intima Econaturali 100% Biodegradabili, recente acquisto
  • Natura Verde Bio – Detergente Ultra Delicato Corpo&Capelli, perfetto sia per il corpo, che per i capelli
  • Sapone viso e corpo
  • L'Erbolario – Latte di Pulizia per il Viso al Cetriolo e Amamelide
  • Gel Struccante di Bubba spignattato e versato in un contenitore da viaggio

Prodotti per Capelli:


Quest'anno i miei capelli sono un po' più corti, quindi anche le esigenze sono un pochino cambiate, non ho più la necessità di districanti così strong, così mi sono adattata a portare un po' meno prodotti.
Sicuramente come Shampoo utilizzerò con gioia il Detergente Corpo&Capelli di Natura Verde Bio, come vi avevo detto l'anno scorso, mi ci sono trovata splendidamente!

  • Balsamo Splend'Or al Cocco, me ne è avanzato un po', ultimamente a casa non lo usavo quasi mai, ho deciso di portarlo, nel caso volessi usarlo anche come cowash direttamente al mare
  • Biofficina Toscana – L'Uomo – Balsamo Barba Note Legnose, nonostante sia un prodotto per barba, ho dato un'occhiata agli ingredienti, e non trovo che sia inadatto ai capelli... quindi farò un tentativo, dato che nemmeno il mio ragazzo ha la barba!
  • Gel d'Aloe per lo Styling

Prodotti di Skincare per il Viso:


  • Omnia Botanica – Contorno Occhi all'Elicriso, ve ne ho parlato entusiasticamente già nell'autunno scorso
  • Siero di Sodio Ialuronato Spignattato
  • Bottega Verde – Splendida – Crema Viso Antietà Prime Rughe – Pelle Normale-Secca
  • Bottega Verde – Splendida – Crema Viso Antietà Prime Rughe – Pelle Mista-Grassa
  • Caudalie – Vinosource – Crema Sorbetto Idratante
  • Caudalie – Vinosource – Fluido Idratante e Opacizzante
  • Caudalie – Vinosource – Siero SOS Quenching
  • Jala – Violetta e Rosa – Crema Viso Idratante
  • L'Erbolario – Alta Fitocosmesi – Crema Giorno Riequilibrante per il Viso
  • L'Erbolario – Crema Viso Idratazione Intensa Viola e Foglie d'Olivo
  • Le Driadi – Argan&Argan – Siero Intensivo Viso
  • Pupa – Multifunzione – Viso di Velluto
  • Too Cool for School – All-In-One Egg Mellow Cream

Non so se userò tutto quanto, ma sicuramente i campioncini sono i più comodi da portare!
Alcuni di questi, come vi avevo già scritto, li ho ricevuti in occasione dello Swap Party, altri mi sono stati dati a seguito di acquisti vari, e alcuni mi sono stati dati come omaggio in alcuni negozi (es. Bottega Verde e Caudalie).

Prodotti Skincare e specifici:

Ho inserito in questa sezione quei prodotti che non saprei come altro definire, dato che si tratta di prodotti multiuso, che possono anche fungere da doposole, ma possono funzionare anche per altro.

  • Spray Antizanzare Spignattato, me ne è avanzato tantissimo dall'anno scorso, e sembra funzionare ancora bene, così lo porterò anche in vacanza.
  • Deodorante al Bicarbonato, ovviamente in versione semplice spray
  • Vitamina C in polvere, da aggiungere man mano all'acqua, sia per uso interno (è quella che ho acquistato da Dermolife, che va bene anche come integratore), sia per uso cosmetico
  • Olio Post-Doccia, nella mia ultima versione della ricetta
  • Gel d'Aloe, rimedio multiuso, oltre che per lo Styling dei capelli
  • Dentifricio Biorepair, che come vi avevo già scritto l'anno scorso, è quello che usa sempre il mio ragazzo, per non dover portare tanti prodotti diversi di solito mi adatto ad usare il suo quando partiamo.
  • Dentifricio Parodontax Extra Fresh, da usare in caso di necessità
  • Burro Cacao Estivo spignattato

Make-Up&Pennelli:


Come già sapete, durante quest'ultimo anno mi sono dedicata molto di più al trucco, ma, dato che il caldo non rende certamente piacevole il trucco addosso (senza considerare l'operazione di strucco!),  non starò a portarmi dietro tutto il bagaglio Make-Up, soprattutto dato che l'obiettivo è stare al mare.
Non ho intenzione di portarmi un fondotinta, soprattutto visto che tengo molto a quelli che possiedo, e non voglio rischiare di rovinarli con gli sbalzi termici e con il viaggio, mi limiterò alla cipria per quanto riguarda la base, e dato che non ho intenzione di fare Make-Up elaborati, mi arrangerò con matite, mascara e qualche prodottino labbra.


Lascerò a casa non solo l'amata Naked, che ormai sto usando anche meno rispetto all'anno scorso, ma anche le mie palette magnetiche oltre che in ogni caso incompleta.
Ho portato i seguenti ombretti singoli, che ultimamente uso poco, in maggioranza si tratta di prodotti che vi ho già recensito:


Ovviamente non posso sicuramente fare a meno del Mascara, e in questo caso ne approfitto per portare con me alcuni campioncini che vi ho già mostrato:

  • MAC – False Lashes
  • MAC – False Lashes – Extreme Black
  • Urban Decay – Perversion Mascara

Mentre per quanto riguarda i prodotti labbra, mi farò bastare qualche rossetto semplice o gloss, portandomi poi le due matite più versatili che ho nel caso volessi fare la sbordatura correttiva.


Sicuramente niente che necessiti anche il pennello labbra, come alcuni gloss/rossetti liquidi che posseggo.
I due prodotti labbra ve li recensirò a breve, ormai è da un po' che li uso, e sto scrivendo ora le recensioni.
Proprio perché non ho intenzione di rifare al 100% la base anche in vacanza, visto che tralaltro il fondotinta potrebbe non andare più bene, ho deciso di portarmi dietro solo la mia cipria compatta spignattata, che è leggermente pigmentata, così anche da non dovermi portare nemmeno un grosso assortimento di pennelli.
Come pennelli ho selezionato più che altro quelli più comodi da trasportare, considerando comunque che porterò pochi prodotti di Make Up in generale.
In questo senso verranno anche utili i Cottonfioc, consigliati persino da alcuni MUA come alternative momentanee ai pennelli!

  • Mio Mare – Pettinino per sopracciglia, che fa parte del kit economico da viaggio che vi recensirò a breve
  • Nevecosmetics – Eyebuki
  • Sephora – Set Pennelli da Viaggio – 4 pennelli
  • Zoeva – Pennelli 240, 238 e 237
  • Qualche pennello di origine semi-ignota in setole sintetiche
Purtroppo non voglio rischiare di perdere qualcosa, quindi lascerò a casa sia il temperino ufficiale (Il Kiko monobuco che vi ho mostrato poco fa), sia il piegaciglia nuovo nuovo, dato che non voglio rischiare problemi con la spedizione bagaglio o con la perquisizione bagagli di Ryanair (in teoria il piegaciglia non dovrebbe creare problemi, ma si sa mai!).
Come temperino porterò il mio vecchio MioMare di Lidl, che è ancora funzionante, anche se la plastica si è crepata in un punto.
L'ho tirato a lucido a suon di Trielina e Cottonfioc!

Accessori Beauty&Make Up vari:


Ovviamente non sono stata a darvi descrizione completa di questi ultimi accessori, li considero di fascia economica e piuttosto “indifferenti”.

Anche per oggi è tutto!
A presto, e buone vacanze per chi sta partendo!

Rasmus

Si ringraziano il Forum di Lola, il Forum di Sai Cosa Ti Spalmi, Promiseland.it, Biodizionario.it, e la fondazione Wikipedia inesauribili fonti di informazioni e di ispirazione